10 funzioni di Google Drive che forse non conoscevate

Google Drive è ricco di applicazioni che si contraddistinguono per la loro semplicità e facilità di utilizzo. Nonostante apparentemente non sia all’altezza della suite di Microsoft Office, Google Docs si avvale di funzionalità decisamente interessanti. In questa guida è nostro obiettivo illustrarvi 10 funzioni che Google Drive mette a disposizione, di cui probabilmente ignorate l’esistenza.

Strumento di ricerca

Google Docs Ricerca

Google Docs ci consente di effettuare una classica ricerca in rete, ma i risultati sono sotto forma di semplice citazione. Per eseguire una ricerca in rete, sarà necessario cliccare su Strumenti > Ricerca, sulla destra si aprirà un riquadro che si può utilizzare come abituale motore di ricerca.

Nel riquadro in cui digitare il termine da trovare, è possibile fare scorrere un menu a tendina da cui per scegliere il tipo di ricerca in base al contenuto, le opzioni disponibili sono: immagini, scholar, citazioni, dizionario, personale e tabelle. Lo strumento ci consente di effettuare una ricerca in rete senza dover lasciare la pagina su cui stiamo lavorando.

Riconoscimento vocale

Docs Digitazione Vocale

Grazie ad un microfono possiamo utilizzare lo strumento di riconoscimento vocale, accessibile da Strumenti > Digitazione vocale.

Modelli di presentazione

Docs Modelli

Google ha implementato una serie di modelli che si adattano ad ogni nostra necessità e li ha catalogati in base a quello di cui abbiamo bisogno, ad esempio template per la creazione di documenti di lavoro, invite a feste, curriculum vitae, statistiche, finanza ecc. Una volta che si è deciso quale tipo di modello utilizzare, possiamo accedere ad una preview e modificarla in modo semplice.

Cartelle colorate

Google Drive Cartelle Colorate

Su Google Drive possiamo organizzare tutto il nostro lavoro in cartelle e per ciascuna di queste assegnare un colore diverso. Sarà sufficiente un click con il tasto destro sopra una delle cartelle sul pannello di sinistra e selezionare quindi l’opzione Cambia Colore.

Diagrammi di flusso

Docs Diagrammi di flusso

Non tutti probabilmente sanno che con Google Docs in combinazione con Draw.io è possibile realizzare dei diagrammi di flusso grazie al linguaggio di modellazione unificato (UML). Per collegare Draw.io e altri strumenti, andate su Nuovo > Altro > Collega altre applicazioni.

Complementi di Google Drive

Chrome Web Store

Nel Google Chrome Web Store sono disponibili molti complementi da utilizzare con Google Drive. Alcuni di questi sono veramente molto utili e ci consentono anche di riprodurre musica o di visualizzare documenti in formato HTML. Possiamo anche installare un’estensione che ci permette di avere maggiore compatibilità con file creati in Word, Excel o Access.

Creare Moduli

Moduli

Possiamo anche creare in modo semplice dei form, o moduli, da compilare. Per poterli creare sarà sufficiente cliccare su Nuovo > Moduli di Google. L’applicazione è assolutamente intuitiva e consente di creare opzioni di selezione semplice oppure multipla. Una volta terminata la creazione, è possibile condividere il link del modulo creato.

Complementi di Docs

Google Docs integra la possibilità di installare propri complementi di programmazione. La varietà a disposizione è piuttosto vasta e potremo trovare moduli, funzionalità per collegare Docs con altri servizi e anche aspetti che estendono le funzionalità del programma.

Font Extra

Google Fonts

Si può pensare che uno dei punti deboli di Google Drive siano i font, ma è un pensiero sbagliato. Grazie alla scheda che visualizza il tipo di font che stiamo utilizzando, implementata sotto la barra degli strumenti, ai piedi della lista di quelli disponibili è presente l’opzione “Altri caratteri“. Cliccando su questa opzione scopriremo una enorme biblioteca di font aggiuntivi in grado di soddisfare ogni nostra necessità.

Storico delle revisioni

Storico Revisioni

Lo storico delle revisioni è uno strumento molto utile, soprattutto nel caso in cui stiamo lavorando con file di testo. E’ possibile accedere alle differenti versioni di un articolo, tesi o qualsiasi altra cosa stiamo scrivendo. Questo ci permette di ripristinare errori commessi di cui non ci si è subito accorti (come nel caso di questo screenshot…) oppure recuperare un determinato punto del nostro documento.