Apple brevetta le cuffie ibride, ma come funzionano?

Con Apple alle prese con il piano di eliminazione del jack audio per le cuffie su iPhone 7, a favore di auricolari con ingresso Lightining e senza fili, arriva la richiesta da parte della stessa azienda californiana per il deposito di un brevetto per un set di cuffie che potrebbero passare agevolmente dalla modalità wired a quella wireless, senza alcuna interruzione di riproduzione.

iPhone 7 con un nuovo tipo di cuffie

Nel brevetto della Mela non c’è ovviamente nulla di nuovo, in quanto in commercio sono presenti molte tipologie di cuffie che supportano sia il collegamento via cavo sia la connessione wireless. Queste cuffie Bluetooth vengono fornite di un cavo plug-in audio che consente di collegarle quando si sta avvicinando la fine della loro batteria, oppure nel caso si voglia quella qualità del suono in più che di solito solo una connessione cablata garantisce.

Tuttavia, il passaggio tra uso cablato e uso wireless ha sollevato in passato un paio di questioni, e il brevetto della compagnia di Cupertino mira a porre rimedio a ciascuna di esse.

cuffie brevetto apple

Possibili problemi

In primo luogo, lo smartphone non può connettersi automaticamente ad un dispositivo Bluetooth specifico quando ci sono differenti device nel suo raggio d’azione. In secondo luogo, anche nel caso in cui il telefono riesca a scegliere il dispositivo corretto, ci vuole qualche secondo per stabilire il collegamento e riprendere la riproduzione.

Primo problema: soluzione

Per risolvere il primo problema, la Mela propone un tipo di cuffie che siano codificate in qualche modo, in maniera tale che il melaphonino riesca a riconoscere che il device wireless è lo stesso che era precedentemente collegato con il cavo, garantendo la trasmissione audio senza interruzioni. Questo sistema permetterebbe quindi di stabilire che le cuffie precedentemente collegate con il Bluetooth siano le stesse connesse con il cavo, il tutto senza interrompere la riproduzione musicale.

earphones brevetto

Secondo problema: soluzione

Per superare il secondo grattacapo, Apple ha intenzione di includere un buffer di dati nel circuito delle cuffie, permettendo una riproduzione musicale ininterrotta, durante il passaggio da un sistema all’altro.

Come funziona

Il processore interno alle cuffie permetterebbe di passare il controllo degli altoparlanti tra i dati ricevuti tramite il ricetrasmettitore wireless e i dati ricevuti attraverso il secondo collegamento. Il buffer di dati, inoltre, sarebbe dimensionato per funzionare per una quantità predeterminata di tempo senza la ricezione di dati aggiuntivi passati attraverso il ricetrasmettitore wireless o la seconda connessione. Questo intervallo di tempo può essere maggiore del tempo necessario per la transizione tra la memorizzazione dati del ricetrasmettitore wireless nel buffer e la memorizzazione dati del connettore.

apple cuffie wired wireless

Le cuffie dovrebbero anche tenere traccia del punto esatto in cui una sorgente audio finisce e inizia la seconda, in modo che l’intero processo sia completamente definito per l’utente. Sarà sufficiente collegare o scollegare il connettore e la riproduzione musicale continuerà come se niente fosse accaduto.

Infine, il brevetto descrive come un unico cavo sia in grado di supportare il suono e fornire un sistema di ricarica, che consentirebbe di ascoltare la musica e ricaricare l’iPhone contemporaneamente. Questo potrebbe sollevare preoccupazioni da parte di alcuni riguardo la durata della batteria dello smartphone, ma bisognerà attendere quando il pacchetto tecnologico di Apple sarà completo.