Apple in calo sul fatturato annuo, dopo 15 anni di successo

Apple Corp. ha da sempre soddisfatto le aspettative del suo pubblico attraverso un processo di ottimizzazione e rilascio prodotti che ha concretizzato la sua azione in un mercato saturo di prodotti, in cui la software house di Cupertino ha saputo distinguersi uscendo a testa alta dal confronto con i competitor che negli anni hanno via via preso il sopravvento.

Nonostante lo scivolone del rivale Samsung, caduto in disgrazia con le ultime vicende legate alle esplosioni del Note 7, gli ultimi iPhone non hanno saputo regalare ad Apple la fetta di mercato attesa a Cupertino, che deve fare ora i conti con un brusco calo del fatturato per l’anno fiscale 2016, dopo 15 anni di costanti successi globali.

Per le prima volta dal 2011, Apple va in contro ad un calo sul fatturato annuo rispetto al periodo precedente. La chiusura a $217 miliardi del 2016 rispetto ai $233.7 miliardi del corrispettivo periodo dell’anno precedente ha fatto registrare un’importante perdita del 9% dovuta in gran parte ad un freno delle vendite per i prodotti delle linea iPhone che, nei confronti del pubblico, non hanno suscitato il preventivato entusiasmo.

apple vendite

Il fatturato del quarto trimestre ha raggiunto quota $46.9 miliardi con un utile netto di $9 miliardi. Vista in tale ottica non si può di certo parlare propriamente di crisi ma, in relazione al periodo antecedente, i dati parlano chiaro a fronte di $51,5 miliardi ed un utile netto di $11,1 miliardi nell’anno 2015.

fatturato apple graficoAd ogni modo, visto e considerato che i dati forniti dal report ricalcano il periodo trimestrale fino al 24 Settembre 2016, ci aspettiamo una rettifica sui dati di vendita e fatturato generati ad opera degli ultimi Apple iPhone 7 ed iPhone 7 Plus, nonché degli ultimi Apple Watch di seconda generazione giunti sul mercato lo scorso 16 Settembre 2106. Il fatturato atteso dalla società, in tal caso, ammonterebbe ad una cifra compresa tra 76 e 78 miliardi di dollari.

apple ipad

I numeri generati per il settore vendita dei nuovi prodotti, comunque, fanno registrare una battuta di arresto rispetto al 2015, con un calo del 6% per iPad, 14% dei Mac che, nel corso delle prossime ore, rinnoveranno la line-up nella speranza di riconquistare il mercato.

In crescita, invece, il fatturato registrato nel settore servizi Apple con iCloud, iTunes, Apple Music, Apple Care ed Apple Pay che hanno aumentato il fatturato del 24% con 24.3 miliardi di dollari, portandosi così appena dietro agli iPad, il cui aumento di prezzo (circa $26) non ha però costituito un problema ed anzi ha portato ad un riallineamento del fatturato previsto dalla società.apple fatturato 2016

Apple, in tal caso, sta attuando una diversificazione dei suoi prodotti e servizi, senza perciò pretendere di rilanciare il mercato con il solo aiuto dei suoi iPhone. L’obiettivo sarà quello di aumentare il volume di vendite in Cina dopo l’ascesa del 2015 che è stata il preludio di un difficile momento che vede una diminuzione del 30% delle entrate su base annua. Bene, invece, in Giappone ed Europa, dove si registra una crescita variabile da 3% al 10%.

Il settore servizi Apple e l’entusiasmo per il prossimo iPhone 8 dovrebbero poter costituire i capisaldi per la rinascita di una società che ha perso davvero molto sul lungo periodo.

Da non perdere: 

Hello Again: Apple presenterà tre nuovi MacBook, trapelati i numeri di serie in Russia

iPhone 8 completamente trasparente? Ecco gli ultimi rumor

iPhone 7 ha due vesioni modem LTE e la Qualcomm batte quella di Intel