Apple manda in pensione le basi Airport, non produrrà più router Wi-Fi

Ebbene sì, a quanto pare la Apple ha deciso di non aggiornare più la sua gamma di router Wi-Fi. La notizia trapelata nelle ultime ore ha subito rattristato una buona fetta dei fan della mela. I dispositivi Airport, infatti, anche se venduti a prezzi molto elevati, rappresentano alcuni tra i router più performanti e apprezzati in commercio.

Nonostante i malcontenti però, la scelta di Apple è ormai definitiva. Infatti le tre basi attualmente in commercio verranno eliminate dallo store non appena saranno terminate le ultime unità disponibili.

Apple: Niente più router Wi-Fi

A riportare la notizia è stato il noto sito americano Blomberg, il quale ha espressamente affermato che la Apple ha deciso di abbandonare lo sviluppo della propria gamma di router Wi-Fi. Questa avrebbe infatti “ricollocato” gli ingegneri addetti a questo settore, in altri progetti considerati più interessanti. In particolare nel settore di Apple TV, il quale l’azienda conta di potenziare al più presto.

apple airport wi-fi
I modelli di Airport attualmente in commercio sono 3. Airport Express, Extreme e Time Capsule. Queste hanno un prezzo che va dai 109 euro ai 429 euro e non vengono aggiornate dal 2013.

Al momento, come già detto, le tre basi (Airport Express, Extreme e Time Capsule) sono ancora disponibili sullo store online ma queste verranno presto dismesse. Inoltra bisogna ricordare che una di queste basi svolgeva anche un’ulteriore funzione. La Airport Time Capsule, infatti, oltre ad estendere il segnale Wi-Fi, montava anche al suo interno un disco interno che poteva arrivare fino ad un massimo di 3 Terabite in base alla configurazione scelta. Grazie a questo era possibile archiviare all’interno dell’Airport Time Capsule una marea di dati, il tutto tramite linea Wi-Fi, senza necessità di fili.

Leggi anche: iPhone 6S: Apple sostituisce le batterie difettose

Perché Apple ha deciso di abbandonare il settore ?

Il motivo per il quale Apple abbia fatto una scelta del genere è molto scontato. I suoi router sono decisamente più costosi di quelli della concorrenza, inoltre questi sono indirizzati solo per una cerchia molto ristretta di utenti. Era chiaro dunque che “sprecare” altro tempo dietro a questo progetto sarebbe stato poco produttivo per l’azienda. Proprio in un mercato dove esistono varie case di tutto rispetto che propongono prodotti ottimi, di ultima generazione a prezzi nettamente inferiori dei vari modelli di Airport.

airport extreme apple
Nonostante la loro età, le basi Airport continuano ad essere molto amate dagli utenti Apple.

Bisogna considerare che i vari modelli di Airport non vengono aggiornati dal lontano 2013 e per quanto siano performanti, risultano comunque dei prodotti datati. I prezzi vanno da 109 euro per il modello base fino ai 429 euro dell’Airport Time Capsule con 3 TB di archiviazione. Prezzi davvero improponibili per dei dispositivi così datati.

Leggi anche: iPhone 8 avrà processore A10X, i chip A11 di TSMC solo nel 2018

Apple ha in mente altre idee per il suo futuro

Non è la prima volta che l’azienda di Cupertino decide di operare una mossa del genere. Già ad inizio di quest’anno, infatti, aveva smesso di produrre monitor esterni, preferendo una collaborazione con l’azienda coreana LG.

apple tv
Apple ha deciso di investire il suo team produttivo su latri settori. In particolare su Apple TV. Prodotto la quale azienda ha intenzione di potenziare.

Comunque nonostante l’abbandono della produzione di queste basi, il fatturato dell’azienda non subirà nessun tipo di ribasso. Infatti i router in questione facevano parte di una “piccola” sezione chiamata “altri prodotti”. Stessa sezione in cui sono inclusi Apple TV ed Apple Watch, la quale ha un valore di 11,1 miliardi di dollari. “Solo” il 5% dell’intero fatturato!

Leggi anche: Apple: link video manda in blocco tutti i dispositivi, anche gli iPhone 7