, ,

Apple pubblica il primo paper sull’intelligenza artificiale


Pare che la Apple abbia cambiato linea di pensiero riguardo la riservatezza dei propri documenti. Se ben ricordate infatti, la casa della mela è stata una delle aziende più citate proprio per l’elevata riservatezza di tutti i suoi documenti. A differenza di questa infatti le altre aziende non hanno mostrato problemi nel rendere pubbliche parti di documenti ufficiali di progetti in via di sviluppo. Stiamo parlando di aziendi quali Microsoft o Google che della loro apertura hanno particolarmente giovato negli ultimi tempi.

A vista di ciò anche la Apple ha deciso di non rimanere nell’anonimato e ha deciso di pubblicare un importante paper riguardante la realtà artificiale. Come sappiamo era tempo che la casa della mela manifestava interesse verso questo campo. E finalmente oggi ha deciso di darne un’ulteriore conferma pubblicando un documento ufficiale.

Apple: Il primo paper sull’intelligenza artificiale

Il paper in questione sarebbe, o meglio, potrebbe essere il primo di una serie di pubblicazioni che l’azienda rilascierà riguardo l’intelligenza artificiale. Questo in particolare ha come titolo “Learning from Simulated and Unsupervised Images through Adversial Training”. L’argomento riguarda un programma capace di decodificare e comprendere le varie immagini. Qualcosa di simile alla “Siri Inteligence” e al riconoscimento facciale introdotti con iOS 10. Solo che in questo caso, vi è un intero documento dedicato a parlarne.

apple intelligenza artificiale

Apple ha pubblicato il primo documento ufficiale riguardante l’intelligenza artificiale. Questo mostra i pro e i contro dell’utilizzo di immagini reali e non in questo specifico campo.

Nella pubblicazione vi è un’ampia spiegazione di quali sono i pro e i contro se si utilizzano immagini reali o create al computer per la realtà artificiale. Nel caso in cui le immagini utilizzate fossero quelle reali bisognerebbe procedere annotando a mano a mano i vari oggetti presenti. Non c’è bisogno di dire che questa operazione richiederebbe non poco lavoro nonchè un grosso dispendio di tempo. Nel caso in cui, invece, le immagini utilizzate fossero quelle al computer, il lavoro da fare sarebbe certamente molto minore in quanto le annotazioni sono già disponibili automaticamente. Bisogna ricordare che per immagini create al computer si intende quell’insieme di scene che vengono create per i videogiochi. Le quali appunto presentano di per sè già tutte le annotazioni.

Leggi anche: iPhone 7: secondo gli analisti il primo trimestre 2017 stabilirà un record

Apple: la problematica delle immagini create al computer

Nonostante la diminuzione della mole di lavoro, la Apple ha spiegato nel documento, che l’uso di questo tipo di immagini comporterebbe delle problematiche. Come ad esempio, potrebbe condizionare in maniera irreversibile un programma di riconoscimento delle immagini. Questo perchè per quanto possano essere realizzate bene questo tipo di immagini, non potranno mai essere realistiche abbastanza da riscontrare la realtà. Il risultato sarebbe quello di avere una resa perfetta quando il programma viene interfacciato con immagini di questo tipo. Dall’altra parte però vi sarebbe l’incapacità di riconoscere in maniera appropriata tutto il rango delle immagini reali.

apple artificial

L’insieme delle pubblicazioni dovrebbe portare la Apple alla realizzazione di un progetto unico.

Tutte queste ricerche portano la Apple a spiegare quale potrebbe essere la risoluzione della problematica. Mescolare immagini create al computer e reali al fine di creare un ibrido. In questo modo l’insieme delle problematiche che porta una categoria di immagini vengono risolte dall’altra e viceversa. Bisogna ricordare che la Apple ha effettuato la ricerca solo su immagini singole, anche se la sua speranza è quella di applicare questo principio anche ai video.

Leggi anche: Apple: nel 2017 il Mac non sarà più una priorità come in passato

Apple: L’inizio di una serie di pubblicazioni

Come abbiamo già detto, la pubblicazione di questa ricerca, molto probabilmente potrebbe essere solo l’inizio di una serie. La Apple risulta molto indietro su questo settore rispetto alle aziende rivali e pare che finalmente si sia resa essa stessa conto di questa situazione.

apple

Apple continuerà a essere un’azienda molto riservata come sua abitudine. Con la sola differenza che pubblicherà anch’essa documenti ufficiali al fine di giovare all’azienda stessa.

Nonostante ciò non bisogna aspettarsi un cambiamento radicale da parte dell’azienda. Non vedremo mai una Apple che pubblica ogni suo movimento. L’azienda della mela rimarrà sempre e comunque una tra le aziende più riservate del settore. L’unica differenza vede però un’azienda “costretta” ad esternare i propri progetti anche con altri ricercatori al fine di non precluderne l’efficacia.

Leggi anche: Come sbloccare iPhone protetti da password senza l’aiuto di Apple

  • smn_lrt

    Per quello che sto leggendo in questo periodo credo che questo discorso in articoli scientifici sia un tema dello scorso decennio…