Apple Watches banditi durante i meeting dal primo Ministro Theresa May

Il “Telegraph” quotidiano inglese ha pubblicato la notizia secondo cui il primo Ministro, Theresa May ha vietato l’uso degli Apple Watches agli altri ministri per paura che subiscano attacchi hacker. Alcune fonti rivelano e specificano come i timori siano rivolti a spionaggio e furto di informazioni sensibili da parte di hacker russi.

Secondo quanto riportato sul Telegraph:

The russians are trying to hack everythings

Timore fondato e ben sostenuto visto l’ultimo attacco al “Comitato Nazionale Democratico” statunitense, avvenuto la scorsa settimana. Gli smartphone erano già stati proibiti per le riunioni di gabinetto, ma in questo caso, anche il device da polso è stato bandito.

Apple Watches

Con la guida dell’ex Primo Ministro, David Cameron, l’Apple Watch è diventato uno status symbol ed è stato indossato da tutti i principali Ministri, uno tra questi Micheal Gove.

Un primo “incidente” per colpa degli Apple Watches

Recentemente però, alla moglie stessa di Micheal Gove, Secretary of State for Justice Lord Chancellor, cioè una sorta di nostro Ministro della giustizia, durante una di queste riunioni, è partita per errore dal suo Apple Watch una canzone di Beyoncé, mentre stava cercando di revisionare alcune mail. Già quella vicenda aveva suscitato scalpore e catturato l’attenzione della signora May. Il conto socio-politico e l’accadimento negli USA hanno poi confermato la decisione di bandire gli Apple Watches.

Dopo il brexit, dopo le dimissioni dell’ex primo Ministro Cameron e l’insediamento Theresa May, oltre a far fronte ai problemi macroeconomici con l’UE, la vecchia e cara Inghilterra deve anche far fronte a questo problema “hacker” interno.