Trucchi Android: Attiva subito queste 7 funzioni

Android è una piattaforma di sistema che permette di massimizzare l’esperienza utente attraverso la continua integrazione ed ottimizzazione delle risorse nei confronti delle nuove implementazioni tecnologiche del settore mobile per smartphone e tablet. Il sistema ha sempre la risposta migliore per ogni occasione, sia che si parli di multimedialità che di consultazione web o funzioni di messaggistica e videocall. Le funzionalità, dunque, sono davvero molte e limitate solamente alla fantasia dell’utente che può tranquillamente sperimentare nuove features. Oggi vogliamo mostrarvene 7 che, a nostro modesto parere, rappresentano in assoluto le greatest hits dell’universo Android. Vediamole insieme.

Funzioni Android, le 7 meraviglie del robottino verde

Android

A parte il titolo forse un pò troppo colorito, vediamo di scoprire insieme quelle che sono le caratteristiche e le funzioni distintive proprie che rendono unico il nostro Android evidenziando i pregi che questo straordinario sistema porta con sé. Funzioni a molti già note ma ad altri parzialmente sconosciute vi permetteranno di massimizzare la vostra user-experience con il sistema.

1. Ricerca vocale Android veloce: OK Google

Ogni utente mobile che si rispetti deve avere il proprio assistente personale. Su questo non si discute. Perché utilizzare la digitazione manuale quando potremmo comandare il nostro telefono Android attraverso la nostra voce? Una funzione concettualmente semplice ma di una complessità tale da permettervi di delegare anche i compiti più noiosi. Vi basta una semplice connessione ad internet e giusto alcuni comandi preimpostati da impartire a voce. Niente di complicato insomma.

Android Google Now
Controllo totale tramite speech-recognition grazie a Google Now

Con Google Now sarai in grado di ottenere informazioni su: condizioni istantanee e previsioni meteo, inoltro di messaggi di testo su applicazioni di messaggistica istantanea anche di terze parti come Whatsapp, Telegram e Facebook Messenger, avviare applicazioni specifiche installate sul dispositivo, pubblicare i vostri stati Facebook sulla news feed e molto altro ancora. Unica accortezza consiste in una prima fase di impostazione, visto e considerato che Google Now opera di primo impatto attraverso l’idioma inglese. Impostata perciò la lingua italiana attraverso l’apposito menu o lasciate inalterata la scelta se ve la cavate bene con l’inglese.

2. Modalità Risparmio Energetico

Il vero collo di bottiglia dei moderni device mobili a batteria consiste proprio nella pessima gestione energetica dovuta in parte ai processi di ingegnerizzazione ed in parte ai deficit propri del sistema che, con le ultime release di Android 6.0 Marshmallow si stanno via via affievolendo e che raggiungeranno un livello ottimale anche a seguito dell’uscita nel novo Android N giunto ora alla fase di Preview. È proprio con le ultime versioni che si è assistito ad un cospicuo miglioramento nella fase di gestione energetica con l’introduzione della funzione Doze e le nuove modalità di Risparmio Energetico Avanzato. Tenere, inoltre, sotto controllo le applicazioni che maggiormente erodono la carica residua è un ottimo modo per prevenire comportamenti dannosi per l’autonomia (puoi farlo esaminando lo storico grafici attraverso la nuova funzione di Menu introdotta con Lollipop).

Android Risparmio Energetico
Arriva fino a sera ed oltre grazie alle funzioni avanzate di Risparmio Energetico

La nuova modalità limita in automatico le attività delle applicazioni in background facendovi arrivare a sera in tutta tranquillità e senza sacrificare particolarmente le prestazioni del sistema che si mantengono su livelli ottimali nonostante le limitazioni imposte al clock della CPU e quindi alla sua velocità oltre che al livello massimo di luminosità del display e il suo intervallo di attivazione.

3. Limitare consumo dati mobili su Chrome

Android rispamio dati mobili
Risparmia nettamente sulla navigazione Internet grazie a Google Chrome

Google Chrome Android, come del resto molte altre applicazioni diversificate, consente di diminuire il consumo del traffico dati specie quando ci si trova agganciati alla rete del proprio operatore se fuori casa. Per attivare la funzione vi basta andare nelle Impostazioni e portarvi su Risparmio Dati. Da qui potrete attivare istantaneamente la funzione senza nemmeno riavviare il web-browser e poter saggiare, magari ad un paio di giorni di distanza, le capacità di compressione delle pagine che consentono di risparmiare effettivamente un buon numero di MB di connessione dati. Visualizzate direttamente da questa schermata le statistiche di risparmio.

4. Android Beam: trasferimenti lampo

Android Beam
Trasferisci file e contatti istantaneamente con Android Beam

Come dite? Non potete trasferire un file da android ad android perché non avete un computer o una connessione ad internet disponibile? Bene, sappiate che esiste una funzione per copiare al volo un file da un dispositivo ad un altro semplicemente mettendoli a contatto. Stiamo parlando di Android Beam, una funzione che utilizza l’NFC del tuo telefono per lo share dei contenuti. Avvicina i due dispositivi, tappa sul display per confermare il trasferimento, et voilà! In men che non si dica avrai trasferito video, file, immagini, contatti e tutto ciò che ti viene in mente.

5. Trasforma il tuo telefono in un modem ultraveloce

Android Tethering
Non hai una connessione internet? Usa router Android

Se la connessione di casa non ne vuole sapere di funzionare ed avete urgente bisogno di inoltrare ad esempio una mail o un file, potete trasformare il vostro smartphone Android come un modem vero e proprio sfruttando la condivisone della connessione tramite la procedura di tethering. Per attivarlo basta connettere il vostro smartphone ad una porta libera del vostro PC mediante il cavo USB in dotazione ed accedere successivamente alle Impostazioni del device. Alla sezione Wireless e Reti selezionate quindi la voce altro e spuntate la voce Tethering/hotspot portatile relativa al collegamento che vi porta ad usare un android come modem USB. Arrivati a questo punto, il vostro Personal Computer, se non lo avete già fatto, installerà i driver di dispositivo ed utilizzerà quest’ultimo come punto di accesso alla rete. State pure tranquilli, visto che non ne verrà compromessa in alcun modo l’autonomia e che sarete in grado di sfruttare la velocità della rete mobile.

6. Un telecomando smart per ogni occasione

Android Telecomando
Comanda tutti i tuoi sistemi multimediali dal palmo delle tue mani

Sapevate che potete sfruttare il vostro smartphone Android come telecomando per comandare dispositivi che operano attraverso segnali IR (InfraRed)? Non stiamo certo parlando degli scherzetti fatti per spegnere il televisore a cena o alzare di colpo il volume, ma di un sistema completo per il controllo di climatizzatori, SMART TV, lettori DVD e così via. Una funzione indispensabile per non avere troppi telecomandi ma anche nel caso in cui avreste dimenticato di comprare o ricaricare le batterie del telecomando del condizionatore e fossero le due del mattino di una sera di luglio. Ci avevate mai pensato prima?
Se avete un telefono con uscita all’infrarosso potete sopperire a tal mancanze ed avere pieno controllo dei vostri sistemi casalinghi nel rispetto della filosofia dell’Home Automation Wireless Android. Trovate il sensore a bordo di smartphone LG, Samsung e Sony. Per quanto riguarda l’app , potete utilizzare quella stock che il produttore implementa a bordo dei propri dispositivi o provarne una alternativa tra le innumerevoli proposte che trovate all’interno del Google Play Store, consiglio Telecomando Universale Sure.

7. Avvio rapido dell’applicazione fotocamera

Android Fotocamera
1, 2, 3 … Scatta!

La peculiarità di un buon fotografo è quella di riuscire a catturare il momento clou della scena senza farsi mai trovare impreparato. Prendere il telefono, digitale eventualmente il codice di sblocco (a patto di riuscirci al primo colpo nella foga del momento), avviare l’app fotocamera e puff! lo scatto è bello che andato. Fortunatamente, su Android, non perderete più l’occasione grazie alle nuove funzioni esclusive introdotte con gli ultimi top di gamma della linea HTC, Motorola e Huawei.
Su HTC One M9, ad esempio, vi basterà ruotare il device e premere il pulsante Volume-Down per scattare al volo un’istantanea. Su Huawei P8 è ancora più semplice, ti basta fare doppia pressione sul pulsante per abbassare il volume. Anche Motorola offre soluzioni similari ed a portata d’utente. Su Moto X, infatti, ti basta ruotare leggermente il polso per avviare la fotocamera in tempi brevi.
Ovviamente, in qualsiasi casistica, occorre abilitare le relative funzioni gestuali da apposito menu viso che non sono attive di default sul dispositivo.

E tu quale delle precedenti funzioni reputi più utile? L’avvio rapido della fotocamera o magari la possibilità di poter controllare tutti i tuoi apparecchi attraverso la funzione Telecomando Android? Facci sapere quale features ha contribuito a migliorare la tua esperienza utente con la piattaforma lasciandoci tutti i tuoi commenti e le tue impressioni. Non esitare a segnalare ulteriori nuove funzioni proprie di sistema che ti sono risultate particolarmente utili ed accattivanti.