Bmw offre la propria tecnologia per aiutare i nuotatori olimpici di Rio 2016

La squadra di nuoto olimpica degli Stati Uniti ha un partner improbabile nella sua rincorsa all’oro, si tratta di una  delle case automobilistiche più famose al mondo: Bmw. La celebre azienda motoristica tedesca ha deciso di utilizzare la tecnologia originariamente sviluppata per i sistemi di auto-guida per aiutare i nuotatori olimpici scrutando i dettagli della loro forma e della loro tecnica per migliorare le prestazioni. Le stesse luci a LED di BMW utilizzate nelle  vetture della casa tedesca allo scopo di identificare i pedoni e altri veicoli, in questo caso vengono utilizzati per analizzare i movimenti dei nuotatori ed eventualmente correggere il minimo errore. Questo avviene ponendo tali luci al led sugli arti degli atleti.

“Siamo alla ricerca di ogni  miglioramento e aiuto che possiamo trovare”, ha detto Russell Mark, un allenatore del team Usa di nuoto. Questo sistema, cosi come racconta il tecnico americano, “aiuta a fornire maggiori informazioni su ciò che cambia nel corpo del nuotatore mentre compie la sua azione in piscina e come il corpo si muove in armonia. “Il pacchetto software LED-based aiuta il Team USA, in quanto questi forniscono agli allenatori un feedback immediato sui propri atleti come Michael Phelps , che nella notte di Martedì ha vinto la sua medaglia d’oro numero 21. Il software, insieme a una nuova sedia a rotelle prodotta da BMW appositamente per le Paralimpiadi di Rio, sono tra le iniziative tecnologiche che la casa automobilistica tedesca sta mettendo in mostra ai Giochi di quest’anno.

Adattare la tecnologia utilizzata nelle automobili di BMW per le esigenze degli atleti olimpionici finisce per costare più o meno come un paio di spot televisivi della durata di 30 secondi in prima serata, parliamo di una cifra di circa $ US 300,000 a $ US, ha detto Trudy Harding, vice presidente di BMW per quanto riguarda il marketing per il Nord America. Questo è un piccolo prezzo da pagare per avere la possibilità di mostrare la capacità di ingegneria della casa automobilistica e dimostrare che essa è anche un membro attivo della comunità di atletica degli Stati Uniti.”C’è un messaggio forte là fuori per il marchio”, ha detto in un’intervista presso la struttura olimpica degli Stati Uniti a Rio de Janeiro.

Bmw nuotatori
Bmw mette a disposizione la propria tecnologia per aiutare i nuotatori olimpici di Rio 2016

“L’attuale software di analisi di nuoto è stato fatto esordire circa un anno fa, e segue il successo della  iniziativa di BMW ai Giochi invernali di Sochi 2014. In quell’occasione l’azienda afferma che il suo aiuto ha permesso al duo di bob degli Stati Uniti di vincere il bronzo dopo 62 anni.  Mentre era più facile rivendicare il merito per la medaglia bob perché BMW ha costruito la slitta, Harding si aspetta che la tecnologia di formazione possa aiutare ogni singolo atleta a migliorare le proprie prestazioni. “Ogni atleta vi dirà che la differenza in questo sport non la fanno i secondi ma le frazioni di secondo” ha detto. “Quindi, tutto ciò che può aiutare  a migliorare le frazioni di secondo è la stessa differenza che passa tra vincere una medaglia e non ottenere alcuna medaglia.”Per quanto riguarda il perchè BMW aiuti proprio gli americani  che da decenni dominano nel nuoto, Hardy ha detto che la società tedesca ha diverse iniziative in tutto il mondo e la sua tecnologia è stata creata per aiutare diversi team in varie zone del mondo e in varie discipline.