Brain Training: tecnica ripristina sensazioni e movimento in 8 paraplegici

Otto paraplegici, alcuni di loro paralizzati per più di un decennio con gravi lesioni del midollo spinale, sono stati in grado di muovere le gambe e sentire sensazioni, con l’aiuto di un esoscheletro artificiale, sessioni con la realtà virtuale (VR) e un sistema non invasivo che collega il cervello con un computer. In effetti, dopo soli 10 mesi di questo trattamento che l’equipe medica ha definito “brain training”, i pazienti sono stati in grado di muoversi in maniera consapevole e quindi ottenere una risposta dai muscoli che non sono stati utilizzati per un decennio.

Dell’ottetto, uno è stato in grado di lasciare la sua casa e guidare una macchina. Un altro ha concepito e fatto nascere un bambino, sentendo le contrazioni mentre lo faceva. L’entità dei miglioramenti è stata inaspettata. Gli scienziati avevano lo scopo di sfruttare l’informatica avanzata e la tecnologia robotica per aiutare i paraplegici a recuperare un senso di controllo nella loro vita. Ma i loro pazienti sono guariti  in maniera ancora più inaspettata. L’implicazione è che anche un’apparentemente completa lesione del midollo spinale potrebbe lasciare un po’ di tessuto nervoso collegato che potrebbe essere risvegliato, dopo anni di latitanza.

I pazienti hanno risposto in modo non uniforme, ma tutti hanno riportato parziale ripristino del movimento muscolare o sensazione della pelle. Alcuni hanno anche recuperato la funzione viscerale e sono ora in grado di dire quando hanno bisogno del gabinetto. E anche se nessuno di loro può camminare senza aiuto, una donna è stata in grado di fare i movimenti da sola con le gambe grazie all’ausilio del robot esoscheletro. “Alcuni dei nostri pazienti, per la prima volta, sono stati in grado di uscire dalle loro case e tornare a lavorare”, ha detto Miguel Nicolelis, co-direttore del Centro Duke University per Neuroengineering, e in base alla neuroriabilitazione Alberto Santos Dumont Association laboratorio di San Paolo. L’opera fa parte del progetto di ‘camminare di nuovo’, che unisce 100 scienziati provenienti da 25 paesi.

Lo studio è stato effettuato in parallelo ad altri approcci alla lesione del midollo spinale: ci sono speranze di terapia con cellule staminali che potrebbero rendere possibili le riparazioni naturali per il sistema nervoso, e di impianti elettronici che potrebbero bypassare una lesione del midollo spinale per trasmettere il messaggio del cervello ai muscoli. La ricerca brasiliana è stata originariamente intesa come una prova del terzo approccio: aiuti robot guidati da intelligenza. Gli scienziati hanno dato un esempio di che cosa hanno pensato possibile nel 2014, quando Juan Pinto, un paraplegico di 25 anni, ha utilizzato un esoscheletro robotico  controllato con il cervello e attraverso il quale è riuscito a dare calci ad un pallone durante la cerimonia di apertura della Coppa del Mondo a San Paolo.

Brain Training
Brain Training

La tecnologia esoscheletro aveva già in passato dato segnali incoraggianti da questo punto di vista. Gli scienziati avevano già dimostrato in un certo numero di modi la capacità di un computer di “leggere” i segnali elettrici provenienti da un comando consapevole nel cervello, ed eseguire una azione corretta. Ma dopo che gli otto pazienti avevano effettuato più di 2.000 sessioni di formazione del cervello, per un totale collettivo di quasi 2.000 ore, la squadra brasiliana di Brain Training ha cominciato a vedere i risultati del tutto inaspettati. “Ci siamo imbattuti in questo recupero clinico, che è qualcosa che è quasi come un sogno, perché ci sono voluti l’approccio ad un livello completamente nuovo”, ha detto il dottor Nicolelis.

” Grazie a Brain Training i pazienti hanno visto un netto miglioramento alle loro condizioni e nella loro vita, in termini di mobilità, i pazienti sono stati in grado di sentire le gambe, di sentire la loro pelle; è stato anche notato un miglioramento delle prestazioni sessuali per gli uomini, per esempio. Una delle signore ha deciso di concepire un bambino  perché ora aveva la sensazione viscerale”.