Cina realizza il più grande radiotelescopio del mondo, caccia agli elieni

Il più grande radiotelescopio del mondo è stato inaugurato Domenica, secondo le notizie ufficiali provenienti da ‘Cina Xinhua’. Il ‘The Five-hundred-meter Aperture Spherical Telescope’, prende il nome dal suo diametro, il quale, corrisponde a 500 metri e dunque è ben 195 metri più largo del secondo più grande telescopio al mondo che si trova presso lOsservatorio di Arecibo a Porto Rico.

Xinhua riporta che il telescopio è costato 180 milioni di dollari, e ben 8.000 persone sono state allontanate dalle loro case per creare il necessario raggio di 3 miglia di silenzio radio intorno alla struttura. Questa struttura sarà usata per “l’osservazione di pulsar, l’esplorazione di molecole interstellari e anche per i segnali di comunicazione interstellari.”

I pulsar sono delle radiosorgenti che emettono periodicamente brevi impulsi di radioonde, di forma e intensità variabili. Queste emettono radiazioni che possono essere rilevate dalla terra, se il telescopio è abbastanza sensibile. Un ricercatore della China National Astronomical Observation, Qian Lei, ha detto a Xinhua che il nuovo telescopio è così sensibile, che nel corso di un test ha rilevato onde radio da un pulsar a 1.351 anni luce di distanza. Come radiotelescopi in altre parti del mondo, questo studierà molecole interstellari relative a galassie lontane per capire come queste si evolvono.

Ad esempio, questa estate una squadra di ricerca ha utilizzato i dati del Very Large Array, una collezione di antenne radio nel deserto del New Mexico,  ha raccolto quello che gli scienziati descrivono come “un’emissione radio debole da idrogeno atomico, in una galassia a quasi 5 miliardi di anni luce dalla terra “. Nel documento che descrive le loro scoperte , il team scrive che la” prossima generazione di radiotelescopi, si baserà sulle loro scoperte e su come i gas si comportano nelle galassie.

Sempre a proposito di questo nuovo telescopio in Cina, studiando i segnali di comunicazione interstellari, questo potrebbe essere uno strumento ideale per la ricerca di vita extraterrestre intelligente. Nel 1974, il radiotelescopio di Arecibo ha inviato un segnale nello spazio profondo con un grafico che contiene, tra le altre cose, le immagini del nostro sistema solare, DNA, una figura stilizzata di un essere umano, e alcune delle sostanze biochimiche della vita terrena”, secondo quanto dichiarato dall’istituto SETI , una organizzazione scientifica dedicata alla ricerca di vita extraterrestre.

Leggi anche: Una Nuova lente metallica ultrasottile potrebbe sostituire le lenti dei telescopi

Cina Telescopio
Cina: il più grande telescopio al mondo.

In una intervista con la BBC, il Vice Direttore del progetto per il nuovo telescopio cinese, Peng Bo, ha detto che il progetto è stato entusiasmante per gli scienziati cinesi.”Per molti anni, abbiamo dovuto andare fuori della Cina per poter fare osservazioni, e invece ora abbiamo il più grande telescopio”, ha detto alla BBC. Gli investimenti della Cina per quanto riguarda l’esplorazione spaziale non si limitano ai telescopi terrestri. Anche se non è uno dei paesi che aiuta a gestire la Stazione Spaziale Internazionale, la Cina lancia propri razzi che trasportano i satelliti. All’inizio di questo mese, la Cina ha lanciato Tiangong-2, il suo secondo laboratorio nello spazio, poco prima che il suo primo laboratorio spaziale cadesse sulla Terra.