Facebook Centro Sicurezza: lotta al bullismo in rete

Facebook ha appena inaugurato il nuovo Centro Sicurezza in unione al nuovo platform dedicato alla lotta al bullismo in rete che segue cinque semplici regole per la prevenzione sugli abusi online.

Il team Facebook, capeggiato da Mark Zuckerberg, ha appena provveduto ad aggiornare la propria piattaforma di sicurezza interna attraverso un nuovo numero di strumenti utili al profiling della propria attività di rete ed ai suggerimenti per attuare sharing verso l’esterno in tutta sicurezza.

Si chiama Facebook Safety, e conta su un ecosistema disponibile in oltre 50 idiomi differenti ed esplicitamente ottimizzato per il settore mobile che può ora contare su una serie di annessi contenuti in video che operano affinché avvenga una prevenzione mirata nei confronti del bullismo.facebook privacy

La sezione sicurezza, come di certo saprete, si è resa attiva ormai da qualche anno ma solo adesso si è proceduto ad un’opera di ottimizzazione ed adeguamento auspicata ormai da troppo tempo. In origine formata da sezioni inerenti la sfera privacy e sicurezza, ha integrato gradatamente anche ulteriori tools specifici che hanno contribuito ad integrare i sistemi per le minacce al suicidio ed al cyber-bullismo.

L’ultimo aggiornamento integrativo della piattaforma creato per opera dello Yale Center for Emotional Intelligence in collaborazione con oltre 50 partner sparsi in tutto il mondo, accoglie ora una serie di nuove normative specifiche, strumenti utili e risorse condivise e dedicate ad adolescenti, genitori ed educatori che possono servirsene per la prevenzione ai suicidi ed altro.facebook bullismoUn altro aspetto sicuramente altrettanto interessante ai fini della sicurezza Facebook concerne il fatto di poter attuare un selettivo controllo sul livello di protezione del proprio profilo, sia per l’aspetto legato alla privacy che della sicurezza, facendo confluire, quindi, il tutto in un’univoca sezione dedicata che abbandona il classico News Feed per creare un qualcosa di più specifico e comprensibile.

Il nuovo aggiornamento della piattaforma Facebook, come peraltro ribadito sopra, consente di introdurre i cinque principi essenziali della sicurezza che tutti dovrebbero leggere, conoscere ed applicare e che proponiamo qui di seguito.

Protezione degli accessi

La cosiddetta verifica in due passaggi risulta essere il modo più sicura ed efficace per prevenire accessi indesiderati e tentativi di intrusione. Nel momento in cui si effettua il login da una postazione Desktop tramite browser o da App (su smartphone e tablet) un codice può essere inserito onde verificare la reale identità del titolare del profilo che, sul proprio telefono (tramite l’indicazione del proprio numero personale) a seguito del’inserimento può verificare l’accesso dalla nuova posizione. Per accedere alla sezione basta andare su Altro > Impostazioni e, da qui, fare check sulla casella posta accanto alla voce Approvazione degli accessi.

Aprire una segnalazione Facebook per contenuto inappropriato

Se ritieni illecita la presenza di un contenuto offensivo o inappropriato puoi segnalare il fatto al team di Facebook attraverso il collegamento alla funzione Segnala, cui puoi accedere da menu del post in essere (in genere una freccia rivolta vero il basso accanto al post stesso). A seguito di una verifica accurata da parte del team, il post verrà o meno eliminato.

Condivisioni selettive dei contenuti

Facebook consente di gestire in maniera flessibile le condivisione potendo scegliere con chi si desidera condividere o meno un contenuto sul piano specifico e/o globale. Potrebbe sembrare una cosa scontata, ma non lo è per niente se si considera che molte volte alcuni utenti finiscono per generare dei veri e propri disastri. Di fatto i nostri post pubblici saranno visibili a chiunque, grazie anche ai tag di segnalazione ad amici e conoscenti condivisi.

Controllo sui tag ai post

I tag, per l’appunto, sono un’arma a doppio taglio in quanto consentono a chiunque di ricevere una notifica sulle nostre azioni, posizioni ed in genere immagini. Una sorta di pubblicità aperta a tutti e verso cui molte volte si sorvola sul piano della sicurezza e della privacy. Tutti noi dovremmo poter approvare o rifiutare l’aggiunta di tag o addirittura inibire completamente la visualizzazione di questi all’interno del nostro News Feed. Possiamo farlo dalla voce di Menu: Diario e aggiunta tag.

Controllo totale del tuo profilo

Facebook mette a disposizione dei propri utenti diversi tools utili per la protezione del proprio account utente. In prima posizione abbiamo il controllo sulla privacy che rappresenta la suite base di protezione contro occhi decisamente troppo indiscreti.

Inoltre, in aggiunta a questo ma ancora poco conosciuta, la sezione speciale di hacking in riferimento alla possibilità di hacking sui dati e sulla nostra identità digitale.

facebook no al bullismo

Facebook e la lotta al bullismo

In un’era in cui gli episodi di bullismo si sono intensificati portandosi sul piano digitale, Facebook ha ben pensato di redarre un’apposita guida di pubblico utilizzo (la trovi qui in formato PDF) da rilasciare nelle mani di insegnanti e genitori sospettosi di episodi legati al problema.

Ad ogni modo, l’interesse mostrato dalla piattaforma non collude con quello del Parlamento, la cui politica di sensibilizzazione stanzia ancora in Senato dal 5 Dicembre 2015 e non lascia registrare l’interesse delle Istituzioni preposte al perseguimento di quesiti e importanti obiettivi. Segno che la direzione del Senato proprio non considera il testo rilasciato ad opera del social network, verso cui il solo interesse del singolo potrebbe non bastare.
Rimettiamo a voi l’annosa questione.