Facebook: la Germania ordina di fermare la raccolta di dati sugli utenti WhatsApp

La Germania ha ordinato a Facebook di interrompere la raccolta e la memorizzazione dei dati sugli utenti WhatsApp del paese teutonico. Si tratta della prima volta che un qualcosa di simile accade dopo che il celebre social network fondato da Mark Zuckerberg ha introdotto nello scorso mese di agosto un sistema di condivisione dei dati con la controllata Whatsapp. In un comunicato pubblicato martedì, l’autorità per la tutela della privacy in Germania ha detto che la condivisione dei dati degli utenti di WhatsApp con Facebook, costituisce “una violazione del diritto nazionale sulla protezione dei dati.”

L’organismo di regolamentazione ha anche ordinato a Facebook di eliminare tutti i dati che sono già stati trasferiti da WhatsApp. Il sistema di condivisione dei dati di Facebook è stato attentamente monitorato dai gruppi sulla privacy in tutta Europa. Quando Facebook ha acquisito WhatsApp nel 2014, il co-fondatore della app, Jan Koum, ha assicurato agli utenti che la loro privacy non sarebbe stata compromessa. In seguito al cambio di politica annunciato nel mese di agosto, tuttavia, WhatsApp condividerà alcuni dati degli utenti, compresi i numeri di telefono con Facebook, e inoltre il celebre social network prevede di consentire alle imprese di contattare gli utenti direttamente attraverso la sua applicazione.

WhatsApp ha detto che l’accordo consentirà a Facebook di fornire pubblicità più mirata e suggerimenti di amici, e che i dati di analisi aiuteranno a combattere lo spam e le frodi. Ma i sostenitori della privacy hanno criticato le società per non essere state trasparenti circa il cambiamento. In un post sul blog pubblicato dopo l’annuncio, la Electronic Frontier Foundation (EFF) ha descritto la mossa come “una chiara minaccia per la privacy, in quanto in questo modo Facebook avrebbe il controllo dei dati di WhatsApp e anche  come la App sia condivisa e utilizzata dagli utenti.”

Johannes Caspar, Commissario ad Amburgo per la protezione dei dati, ha  messo in evidenza le sue preoccupazioni in una dichiarazione di Martedì, in cui ha dichiarato che Facebook non ha “ottenuto l’approvazione” del cambiamento di politica da parte degli utenti di WhatsApp. Caspar anche espresso la preoccupazione che Facebook possa eventualmente cercare di raccogliere dati su una gamma più ampia di utenti, compresi quelli elencati da WhatsApp negli elenchi di contatto che però non sono connessi a Facebook. “Questo ordine amministrativo protegge i dati di circa 35 milioni di utenti WhatsApp in Germania”, ha detto Caspar.

“Deve essere una decisione degli utenti  voler collegare il proprio account con la società di Zuckerberg. Pertanto, Facebook deve chiedere il loro permesso in anticipo. Questo non è successo.” Altri regolatori della privacy hanno sollevato le stesse preoccupazioni per il sistema di condivisione dei dati. Il CNIL, l’autorità di protezione dei dati della Francia, ha detto in agosto che i controllori della privacy sapranno monitorare il cambiamento della politica di WhatsApp “con grande vigilanza.”

Leggi anche: Google vuole rivoluzionare entro il 2020 settori molto importanti del business

Facebook
Facebook

Leggi anche: Apple deposita tre nuovi brevetti al US Patent and Trademark Office

L’Ufficio della Commissione Information (ICO), regolatore di privacy dei dati della Gran Bretagna, ha anche dichiarato di voler monitorare come i dati vengono condivisi tra le due piattaforme, anche se non ha l’autorità di bloccare del tutto il sistema. La risposta di un portavoce del celebre Social Network non s è fatta attendere: “Facebook è conforme alla normativa UE sulla protezione dei dati”, è stato dichiarato in un comunicato reso via e-mail a The Verge. “Lavoreremo con il dipartimento di Amburgo, nel tentativo di rispondere alle loro domande e di risolvere eventuali problemi.”