Free Mobile sta arrivando, l’operatore virtuale darà filo da torcere a TIM, Vodafone e Tre-Wind

Free Mobile rappresenta un nome che, almeno per il momento, potrebbe non dire nulla a molti di voi, ma dovrebbe. Di fatto, il tacito assenso degli Organi Europei di concessione e del Garante per la concorrenza di mercato italiano hanno recentemente deliberato la fusione aziendale Wind – Tre Italia da consolidarsi, nei tempi e nei modi previsti per l’adeguamento delle infrastrutture, entro i primi mesi del 2017.

Un 2017 che vedrò, in diretta conseguenza dell’unione delle due società, il libero ingresso dell’operatore francese Free Mobile Italia, il quale (all’estero) ha già dato ampia manifestazione della convenienza delle proprie offerte e della qualità del servizio offerto al consumatore finale. Una serie di fattori che, in secondo luogo, stanno portando l’operatore nazionale TIM a valutare l’ingresso in campo nel settore degli MVNO, ovvero sia degli operatori mobile virtuali di telefonia mobile.

Di fatto Free Mobile MVNO rappresenta un server di tipo low-cost, pronto ora a sbarcare in italia quale quarto operatore nazionale principale, accanto a Vodafone, TIM ed al nuovo connubio Wind-Tre. Il Capo Dell’Ufficio Finanziario del nuovo operatore, nel corso di una recente Conferenza tenutasi lo scorso Giovedì a Barcellona ha prontamente fatto sapere di aver avviato già il lavori per l’adeguamento strutturale per le installazioni delle reti sul territorio nazionale italiano, con un ipotetico lancio nel corso del 2017 e, pertanto, in un (non meglio precisato) periodo dell’anno.

Free Mobile

Free Mobile è forte di un successo senza tempo all’interno dei confini nazionali francesi e, pertanto, i vettori nazionali attuali avranno il loro da fare nel contrastare l’avanzata di un operatore che mette in primo piano la convenienza e l’affidabilità del suo servizio. Tariffe vantaggiose che si renderanno tali sia per quanto riguarda il settore della telefonia mobile, sia (in futuro) anche per quelle che saranno le infrastrutture domestiche su linea ADSL per telefonate ed Internet da casa.

La rivoluzione, quindi, è cominciata. Il 2017, perciò, ci dirà di più sullo sviluppo e l’evoluzione del mercato e delle correlate tariffe cui andremo in contro. Una convenienza che potrebbe verosimilmente avvicinare molti adepti delle attuali compagnie telefoniche, così come avvenuto nei confronti di altri operatori virtuali oggi attivi sul territorio. Che cosa ne pensi al riguardo?

free mobile

LEGGI ANCHE: TIM crea operatore virtuale a basso costo: guerra a Free mobile

 

Resta aggiornato! Seguici sui nostri canali ufficiali dedicati con approfondimenti, recensioni sugli ultimi prodotti, video, curiosità e tutte le notizie più interessanti del mondo Hi-Tech. Stay Focus, Stay Tech!

  • Muterecords

    Perché virtuale? Free avrà ripetitori e frequenze di proprietà, quelle che Wind-Tre hanno dovuto lasciare sul piatto dopo la fusione.