Galaxy A5 (2016): 4 motivi per cui vale ancora la pena acquistarlo

In attesa di riprendersi dal clamoroso flop del Galaxy Note 7, e dell’uscita del Galaxy S8, Samsung si gode ancora la scia del successo commerciale del Galaxy A5. Dispositivo lanciato alla fine dello scorso anno e risultato essere il più venduto in Francia. Al punto che Samsung ha deciso di riproporre una nuova versione per il 2017. Per la quale sono diversi i rumor in circolazione. Eppure, il Galaxy A5, anche nella sua versione 2016, resta ancora un dispositivo che vale la pena acquistare. In particolare, per quattro motivi, che vi elenchiamo di seguito.

Galaxy A5 (2016): il prezzo

In tempi di ristrettezze economiche come quelle in cui viviamo, il prezzo resta uno dei fattori principali che incidono nella scelta di uno smartphone. Inizialmente, il Galaxy A5 è stato lanciato con un prezzo onestamente spropositato rispetto alle effettive potenzialità: oltre i 400 euro. Soprattutto rispetto alla fotocamera non particolarmente eccelsa. Dopo sei mesi, però, questo dispositivo ha iniziato a calare di prezzo, arrivando a 350 euro. Attualmente, sul web, è possibile trovarlo con altri 100 euro in meno. Intorno ai 250 euro. Un ottimo affare sicuramente. E in qualche volantino è possibile trovarlo ancora a meno.

Galaxy A5 (2016): il design

Altro aspetto che fa del Galaxy A5 un telefono ancora accattivante è il suo design. Avendo una elegante scocca in metallo, i pulsanti in alluminio e il display in vetro, si confonde tra gli smartphone di fascia alta. In particolare, rievoca lo stile del Galaxy S6. A ciò bisogna aggiungere la sua ergonomicità ed il peso di 155 grammi. Che danno all’utente un senso di solidità.

galaxy a5 2016

Galaxy A5 (2016): formato maneggevole

Robusto, certo. Ma anche maneggevole. Questo dispositivo non finisce nella categoria phablet, ma ha anche un dispositivo Full HD di 5,2 pollici. Adatto a tutti gli utilizzi ed è pratico sia da usare che da tenere in tasca. Un buon compromesso tra praticità e dimensioni soddisfacenti.

Leggi anche: Galaxy S8 senza tasti fisici: immagine firmware svela come sarà

Galaxy A5 (2016): la batteria

E siamo infine alla batteria, aspetto delicato per l’uso che ormai facciamo di un telefono. Il Galaxy A5 offre in merito altissime prestazioni, garantendo perfino due giorni di autonomia ad uso intensivo. Da alcuni test di prova, ci sono addirittura voluti tre giorni di uso intensivo per scaricarla del tutto. Un aspetto che fa di questo smartphone un dispositivo da non perdere. Anche inizialmente quando la sua versione 2017 avrà, per forza di cose, prezzi consistenti.

  • GeXKinG

    Concordo preso un mese fa a 259€ e devo dire che ne sono pienamente soddisfatto. Da dire però che la batteria con marshmallow arriva al massimo alla mattina seguente mentre il contro maggiore è sicuramente il lettore di impronte a volte fa veramente fatica, rispetto al honor 5x (avuto in precedenza) non ci sono paragoni l’honor sbloccava a colpo sicuro anche con umidità o sporco. L’A5 2016 invece è caratterizzato sicuramente da una qualità costruttiva da top di gamma, il vetro 2,5d avanti e dietro (gorilla glass 4) e la scocca in metallo duro lo rendono veramente solidissimo e da la sensazione di un telefono fatto per durare! Il display super amoled non ha rivali 5,2″ full HD bastano e avanzano per avere tra le mani un gioiello hi-tech . Consiglio a chi non vuole spendere più di 250€

    • Omar Aziz

      È rallentato?

      • GeXKinG

        In che senso? Se dici di fluidità in maniera quasi impercettibile ma questo dipende da android e la deframmentazione