Galaxy A7 2017: nuovi dettagli sulla scheda tecnica

Come vi abbiamo riportato in più occasioni in queste settimane, Samsung si prepara a rinnovare la sua gamma di smartphone di fascia media con il debutto delle versioni 2017 di Galaxy A3, A5 ed A7. Il protagonista della giornata di oggi è il futuro phablet Galaxy A7 2017 che, per molti utenti, potrebbe caratterizzarsi come un buon sostituto del fallimentare Note 7, già ritirato dal mercato.

Stando a nuovi rumor, infatti, la scheda tecnica del Galaxy A7 2017 sarà davvero molto interessante. Il dispositivo, infatti, dovrebbe presentarsi con un display Super AMOLED da 5.68 pollici di diagonale con risoluzione FullHD. A gestire il completo funzionamento dello smartphone sarà il SoC Exynos 7880. Il nuovo chipset di fascia media di Samsung presenterà una CPU Octa-Core in configurazione Big.LITTLE con un Quad-Core Cortex A72 da 1.8 GHz ed un Quad-Core Cortex A52 da 1.3 GHz. La GPU sarà una Mali-T860MP4.

Le prestazioni garantite dal nuovo Exynos 7880 dovrebbero essere decisamente ottime. Il nuovo A7, soprattutto se arriverà sul mercato con un prezzo aggressivo, potrà dare filo da torcere a molti top di gamma Android.

samsung-galaxy-a7-2017

A completare le specifiche tecniche del nuovo Galaxy A7 2017 troveremo 4 GB di memoria RAM, 32 GB di storage interno (con slot per microSD per l’espansione), una fotocamera posteriore da 16 Megapixel ed una anteriore sempre da 16 Megapixel. La batteria sarà da 3.600 mAh e dovrebbe, quindi, garantire un’eccellente autonomia allo smartphone che potrà, inoltre, contare su Android Marshmallow e su di un futuro aggiornamento (programmato per metà 2017) ad Android Nougat.

Leggi anche: Galaxy A3 2017 riceve la certificazione Wi-Fi: specifiche e data di uscita

Il nuovo Galaxy A7 2017 potrà contare su di uno spessore contenuto (7.8 mm) e sulla certificazione IP68 che garantisce resistenza ad acqua e polvere. Maggiori dettagli sul nuovo A7 e sugli altri smartphone della gamma A 2017 dovrebbero emergere già nel corso dei prossimi giorni o, al massimo, delle prossime settimane. Continuate, quindi, a seguirci per saperne di più.