Galaxy Note 4 riceve l’aggiornamento ad Android 5.1.1, finalmente

 

Galaxy Note 4 riceve finalmente il tanto atteso aggiornamento cumulativo di sistema dopo tanta attesa da parte degli utenti desiderosi di lasciarsi alle spalle il vecchio OS Android. La notizia è di qualche minuto fa.

Samsung Galaxy Note 4, il nuovo sistema

Sono davvero moltissimi gli utenti del device più pregiato della linea Samsung Note ed oggi hanno motivo di gioire visto e considerato che l’attesa è finalmente terminata. Android 5.1.1 è finalmente arrivato.

Con una notizia di qualche minuto fa abbiamo saputo del rilascio del nuovo update cumulativo per il device da parte di Verizon che è reduce da un passato infelice per quanto concerne il rilascio di aggiornamenti per Note 4.note 4

Quando, nel marzo 2015, Verizon rilasciò il suo primo update a Lollipop, il Note 4 aveva solo un anno e mezzo di vita ed era il fiore all’occhiello dei possessori del dispositivo e degli amanti della linea. Per quanto riguarda Verizon i tempi si sono dilatati ben oltre ogni ragionevole possibilità scostandosi bene dagli altri operatori che hanno risolto già entro novembre dello scorso anno (T-Mobile e AT &T).

Sono state oltre 720 le segnalazioni da parte degli utenti, come dimostra questa pagina, sul forum della community di Verizon in cui si registrava il dispiacere degli utenti nei confronti del tardivo rilascio dell’aggiornamento e delle problematiche sorte con Android 5.0 Lollipop a causa di bug irrisolti.Galaxy-Note-4-Update

Ma finalmente l’attesa sembra essere giunta al termine. Sulla loro pagina di supporto appare infatti la notifica inerente l’aggiornamento per Galaxy Note 4 siglato LMY47X.N910VVRU2BOK3 basato su Android 5.1.1. Un update che porta numerose correzioni e miglioramenti sul fronte sicurezza e gestione dell’ambiente Knox oltre che all’integrazione dell’Amazon Store e dei nuovi widget ufficiali per Note 4 

L’OTA sarà presto disponibile per tutti gli utenti Verizon che potranno finalmente godere di un device fluido e senza gli intoppi causati dalla presenza del vecchio Lollipop.

Condividete l’articolo sui social network. Fonte: AndroidPolice