Galaxy Note 5 con pennina S-Pen ad espulsione assistita?

La pennina capacitiva S-Pen su Samsung Galaxy Note 5 sarà con espulsione assistita: i nuovi rumors contraddicono quindi i più vecchi.

I nuovi rumors sul prossimo phablet top di gamma Samsung Galaxy Note 5, questa volta contraddicono alcune voci di corridoio delle ultime settimane; secondo le ultime notizie il Galaxy Note 5 avrà infatti una pennina capacitiva S-Pen (i precedenti rumors indicavano invece l’assenza) che uscirà dal dispositivo grazie ad un sistema di espulsione assistita.

I dettagli sono ancora piuttosto segreti, ma pare che con il sistema di espulsione assistita l’utente non dovrà più togliere a mano la pennina dalla scocca del Galaxy Note 5, ma ci sarà un sistema automatizzato che lo farà meglio e più velocemente.

Questa tecnologia è stata già acquistata da Samsung qualche tempo fa quando è stato registrato a nome dell’azienda un brevetto; il sistema sulla carta funzionerebbe grazie all’utilizzo di magneti che si trovano uno sulla pennina capacitiva S-Pen e uno all’interno dello slot per quest’ultima; la tecnologia permetterebbe di invertire la polarizzazione dei due magneti che spingerebbero fuori la pennina a comando.

Sfortunatamente comprendere come questa tecnologia permetta il cambiamento di polarizzazione è ancora piuttosto difficile, dato che i documenti mostrati non ne svelano in maniera analitica il funzionamento e quindi non possiamo fornirvi ulteriori informazioni a riguardo.

Tecnologia auto espulsione S-Pen: il brevetto
Tecnologia auto espulsione S-Pen: il brevetto

Samsung Galaxy Note 5: gli ultimi rumors sui dettagli tecnici

Ovviamente Samsung non ha ancora svelato nulla delle caratteristiche principali del suo futuro phablet top di gamma; le voci di corridoio lo associano ad un design in stile Galaxy S6 Edge, ovvero con un pannello da almeno 5,7-5,9 pollici di diagonale con doppio bordo curvo (dual Edge), forse un display con risoluzione 4K Ultra HD (ma è molto più probabile che si rimanga ancorati alla classica QHD 2560 x 1440 pixel), l’utilizzo di un nuovo chipset della serie Exynos, forse 4GB di memoria ram, un comparto multimediale già visto su Galaxy S6 (o forse ulteriormente migliorato), una potente batteria e una scocca in metallo con possibile rivestimento in vetro.

Samsung Galaxy Note 5 dovrebbe fare capolino nei mercati, o almeno essere presentato ufficialmente dall’azienda coreana durante la fiere dell’IFA, a partire da settembre 2015; come prezzo aspettatevi un costo di listino di almeno 750-800 euro.