Galaxy Note 7: escluse responsabilità nell’incendio della Jeep

Samsung Galaxy Note 7 non ha colpe, per quanto riguarda l’esplosione di una Jeep avvenuta in Florida lo scorso 5 settembre. Nonostante il fatto che i proprietari hanno affermato che hanno lasciato il telefono incustodito e sotto carica all’interno del veicolo, non sarebbe stata questa la causa dell’incendio. Questa è la conclusione a cui sono arrivati i vigili del fuoco degli Stati Uniti dopo aver investigato da vicino il caso e guardando le fonti che potrebbero aver causato l’incendio auto, secondo un nuovo rapporto proveniente da St. Pete Patch.

Il Galaxy Note 7 non sarebbe responsabile dell’incendio della Jeep

I vigili del fuoco di St. Petersburg non hanno ancora trovato la causa esatta dell’incendio, ma hanno spiegato che questo non sarebbe stato provocato dal Samsung Galaxy Note 7, che era in macchina in quel momento. “E ‘stato riferito che un Samsung Galaxy Note 7 era nel veicolo al momento dell’incendio, e c’era la convinzione dei proprietari del veicolo che il dispositivo in questione poteva essere stato la causa dell’incendio. Dopo una approfondita indagine, gli investigatori del fuoco non hanno però ancora trovato la causa per l’incendio della vettura.

“A causa della natura distruttiva del fuoco, non è facile determinare da cosa questo sia stato provocato, ma ci sentiamo di escludere responsabilità dello smartphone targato Samsung, hanno detto i vigili del fuoco della città in cui è avvenuto l’incendio. La presenza del Galaxy Note 7 in una macchina che ha preso fuoco è chiaramente una coincidenza, secondo quelli che sono i primi risultati ufficiali delle indagini. Nonostante ciò i proprietari della Jeep sembrano credere il contrario.

Leggi anche: Samsung sta collaborando con US Carriers per lo sviluppo della rete 5G

Galaxy Note 7
Galaxy Note 7

Leggi anche: Samsung Gear 360 Pro potrebbe essere lanciato nel 2017

I proprietari della Jeep avrebbero udito una forte esplosione

Nelle loro dichiarazioni originali forniti dopo l’incendio, Nathan Dornacher e sua moglie Lydia sottolineato come secondo loro la causa sia stata il Galaxy Note 7, sostenendo che il telefono è stato lasciato in carica sul sedile del passeggero della vettura. “Nathan aveva il suo nuovo Galaxy Note 7 che ha acquistato il fine settimana precedente e che stava caricando nella nostro Jeep Grand Cherokee. Siamo tornati a casa per scaricare una scrivania appena acquistata, con la jeep lasciata accesa e il telefono in carica”, hanno dichiarato i due testimoni.

Niente risarcimento per la coppia da Samsung

La cosa più inquietante, tuttavia, è che essi affermano di aver udito una forte esplosione quando hanno aperto la porta della vettura, accusando il Note 7 anche per questo. In realtà, però, anche se dotati di una batteria difettosa il Note 7 non esplode, ma prende solo a fuoco, quindi è difficile dare la colpa al telefono per quelle forti esplosioni. Senza dubbio, la conclusione a cui gli investigatori americani stanno arrivando, non dovrebbero aiutare la coppia ad ottenere un risarcimento dalla compagnia di assicurazione, e anche Samsung sembra difficile a questo punto che possa riconoscere un risarcimento alle vittime dell’incendio, visto e considerato che i vigili del fuoco hanno escluso una responsabilità del loro dispositivo.

Leggi anche: Samsung Electronics ha venduto le azioni possedute in quattro aziende