Galaxy Note 7, tre casi in cui non deve essere usato

In queste settimane Samsung sta provvedendo a sostituire i suoi modelli di Galaxy Note 7 potenzialmente pericolosi, per l’ormai noto a tutti problema delle batterie che si surriscaldano quando sono sotto carica. Fino ad esplodere. La multinazionale coreana sta correndo ai ripari, anche se il danno subito sia dal punto di vista economico che d’immagine è già ingente. Sul Galaxy Note 7 il colosso asiatico puntava molto e l’uscita successiva dell’iPhone 7 non sta certo facilitando le cose. In attesa che il problema sia risolto del tutto, di seguito vi enunciamo tre situazioni in cui questo dispositivo non va usato. Sulla scorta di esperienze passate e per il fatto che anche i primi Note 7 consegnati sembrano avere ancora dei problemi.

Galaxy Note 7, meglio non ricaricarlo in auto

No, meglio non farlo, altrimenti si potrebbe fare la stessa fine di un cittadino residente in Florida, il quale a inizio settembre ha reso noto mediante il suo profilo Facebook, che il dispositivo ha preso fuoco all’interno della sua jeep mentre era sotto carica. L’uomo, in una giornata di ferie dal lavoro, ha organizzato un barbecue, e mentre si apprestava a cuocere la carne, ha lasciato il telefono a ricaricare in auto mediante il caricabatterie. Quando è tornato per riprenderlo ha visto la sua adorata Jeep in fiamme. Il suo Galaxy Note 7 era esploso provocando una fiammata che si è presto divampata per tutto l’interno dell’auto. I vigili del fuoco giunti sul posto hanno spento le fiamme, ma i danni subiti dalla vettura restano ingenti.

galaxy note 7 quando pericoloso

Meglio non caricare il Galaxy Note 7 nelle stanze d’albergo

E’ una cosa che vi sconsigliamo vivamente, dopo che un uomo che pernottava a Melbourne per affari, prima di addormentarsi aveva messo il dispositivo sotto carica. Dopo un po’ ha sentito un’esplosione, accorgendosi che il Note aveva preso fuoco incendiando le lenzuola. Lo ha preso in mano ma scottava a tal punto che lo ha buttato a terra, bruciando pure il tappeto e ustionandosi un dito. L’hotel ha chiesto 1,310 dollari di danni (circa 1,165 euro), che comunque Samsung si è promessa di rimborsare. Meglio dunque non ricaricare il Galaxy Note 7 quando pernottate in un hotel, poiché, oltre a rischiare di ustionarvi o finire tra le fiamme, non è così scontato che la multinazionale coreana sia disposta a rimborsare i danni arrecati.

Leggi anche: Galaxy Note 7 usato per grigliare la carne: il video virale

Il Galaxy Note 7 non è il benvenuto su un aereo

Se vi state apprestando a prendere un aereo, per lavoro o per diletto, vi sconsigliamo di portare con voi il vostro caro ultimo Note. Infatti, molte compagnie lo ritengono alla stregua di un oggetto altamente infiammabile e rischiate di non poter salire al bordo. Ci sono già diversi avvisi in merito. Anche nel caso che mettiate il telefono in un bagaglio da stiva.