Galaxy Note 7: negli Usa la sostituzione possibile dal 21 Settembre

Samsung ha detto Giovedì che i  nuovi dispositivi in sostituzione del Galaxy Note 7 saranno disponibile negli Stati Uniti presso la maggior parte dei punti vendita entro e non oltre il prossimo 21 settembre. L’aggiornamento è venuto nel momento in cui la Commissione US Consumer Product Safety, Giovedì ha pubblicato un richiamo per tutti i Galaxy Note 7 venduti nel paese prima del 15 settembre. Il gruppo ha detto che “i consumatori dovrebbero interrompere immediatamente l’utilizzo e spegnere il richiamato Galaxy Note 7” e contattare il luogo in cui hanno acquistato i dispositivi per ottenere un nuovo Galaxy Note 7, un rimborso o un dispositivo in sostituzione. La comunicazione della CPSC rende illegale tentare di vendere o rivendere uno di questi dispositivi.

“La sicurezza dei consumatori è sempre la nostra massima priorità,”  ha detto Tim Baxter, presidente di Samsung Electronics America, in un comunicato. “La nostra collaborazione con la CPSC e il richiamo volontario negli Stati Uniti rispondono alle preoccupazioni di sicurezza, garantendo ai proprietari del dispositivo la sua sostituzione in tempi brevi” Samsung ha lanciato il suo Phablet Galaxy Note 7 a fine agosto. Il suo debutto è stato accolto con grande clamore e recensioni complessivamente assai favorevoli, ma gli utenti subito hanno notato alcuni problemi con il dispositivo. In particolare, i problemi maggiori derivavano dalla batteria che ha causato alcuni incendi ed esplosioni a causa del surriscaldamento quando il device era sotto carica. Le compagnie aeree hanno vietato ai propri clienti  l’utilizzo dello smartphone sui voli.

Gli sforzi di Samsung per sostituire Galaxy Note 7 negli Stati Uniti sono stati in fase di stallo per molti giorni, in attesa che la CPSC arrivasse alla decisione di richiamare il dispositivo. Samsung ha ricevuto 92 segnalazioni di surriscaldamento delle batterie negli Stati Uniti, tra cui 26 segnalazioni di ustioni e 55 segnalazioni di danni alla proprietà, tra cui incendi di auto e di un garage, ha detto il CPSC. Dopo 35 segnalazioni di incidenti per il surriscaldamento in tutto il mondo, Samsung ha preso la decisione senza precedenti di richiamare ogni singolo dispositivo venduto. L’azienda inoltre ha fermato tutte le vendite e le spedizioni del suo prodotto e ha detto che stava lavorando con le agenzie governative e  con i vettori di cellulari in tutto il mondo per favorire rimborsi e sostituzioni.

Leggi anche: Samsung Galaxy Note 7: come riuscirà a risolvere il problema delle batterie?

Samsung Galaxy Note 7

Tuttavia, Samsung è stato criticato per come ha gestito inizialmente il problema.  La decisione CPSC rende il richiamo più formale. Ora che le persone saranno in grado di ottenere una sostituzione immediatamente in un negozio, è probabile  che proprietari  del Note 7 sostituiranno i loro dispositivi in modo più rapido, ha detto l’analista di Gartner Tuong Nguyen. “Quando la mia macchina si rompe, mi danno un veicolo in prestito, perché non posso stare senza la mia auto”, ha detto. Per l’analista lo stesso accade ormai anche per un telefono.

Leggi anche: Samsung Galaxy Note 7: i suoi guai favoriranno il successo dell’iPhone 7?