Galaxy S7, come attivare modalità PRO per foto spettacolari

I terminali della nuova linea Samsung Galaxy S7, disponibili ormai da un mese nella varianti S7 Flat (senza bordi) ed S7 dual-Edge Launcher System (a bordi interattivi), rispondono in qualità di terminali dalle migliori fotocamere smartphone del mercato, grazie alla giusta coniugazione di tecnologia ed ingegnerizzazione software di settore, in grado di offrire prestazioni ottimali in ogni scena e condizione di scatto.

Per un fotografo che si rispetti esiste, a parte la comune modalità automatica, anche un’ulteriore incentivo all’utilizzo del terminale per applicazioni professionali che rispecchiano l’attivazione della cosiddetta modalità PRO. Vediamo insieme di che cosa si tratta e quali strumenti avanzati offre.

Galaxy S7 PRO Mode Camera, per foto da veri professionistiGalaxy S7 PRO Mode fotografia

Per un fotografo esperto, poter godere di strumenti professionali attraverso il proprio smartphone è davvero un must-have. L’ineguagliabile comodità di avere a disposizione opzioni che si avvicinano molto a quelle di una macchina fotografica con comandi manuali in stile DSLR può fare la differenza tra uno scatto in funzione automatica ed uno professionale realizzato attraverso accurate fasi manuali di calibrazione della scena.

La presenza dello stabilizzatore ottico (OIS), la messa a fuoco ultra veloce, il nuovo sensore Sony da 12 Megapixel e l’implementazione della tecnologia Dual-Pixel che ne sacrifica il numero ma non la qualità di quest’ultimi, rendono perfettamente chiaro il quadro finale della situazione che ha portato i nuovi terminali all’elezione di indiscussi Re assoluti del comparto fotografico. L’utilizzo di questi strumenti applicati alla modalità Professional possono fare davvero la differenza. Anche se non proprio alla portata di tutti, questa nuova modalità, è da preferirsi visto che coniuga l’utilità degli strumenti messi a disposizione da Samsung per i suoi Galaxy S7 con la nostra creatività.

Impostazioni in tempo realeGalaxy S7 opzioni fotocamera avanzate PRO

Poter gestire i nostri scatti attraverso un sistema operativo ottimizzato per massimizzare l’esperienza utente attraverso le applicazioni, ci consente di rendere decisamente più fluide le operazioni di settings dei parametri della scena.

Scorrendo, infatti, dall’alto verso il basso lungo il lato destro, possiamo accedere a tutte le opzioni necessarie per impostare in real-time gli effetti, l’esposizione, il bilanciamento del bianco, la messa a fuoco, l’ISO e la velocità di otturazione. Ognuna di queste impostazioni può essere impostata al volo attraverso il menu laterale e le modifiche si attivano in anteprima sullo schermo senza dover scattare in anticipo la foto.

Riassumiamo, di seguito, la funzione di ognuna delle precedenti caratteristiche:

  • Filtri: Consentono di applicare un colore tipo alla scena (bianco-nero, seppia, antico, ecc…)
  • Macro: Consente di mettere a fuoco i dettagli di un soggetto dalle ridotte dimensioni (come, ad esempio, un insetto)
  • Bilanciamento del bianco: Consente di regolare il colore della scena in base alla luminosità naturale in modalità manuale o secondo alcuni preset
  • ISO: Indica il fattore di sensibilità alla luce esterna
  • Velocità otturatore: Indica per quanto tempo e con quale velocità il sensore cattura la luce (Galaxy S7 ha un otturatore con f/1.7)
  • Esposizione: Consente di bilanciare e regolare contrasto e luminosità

Galaxy s7 fotocamera avanzataL’interfaccia utente di “App Foto” presenta due menu laterali. Sulla sinistra abbiamo le opzioni base tra cui figurano: messa a fuoco automatica, misuratore messa a fuoco, timer, flash, qualità fotografica ed Impostazioni. Le opzioni di messa a fuoco, in particolare, consentono di ottenere risultati finali analoghi a quelli ottenuti con una reflex, se correttamente adoperati. Se non sapete cosa state facendo, vi consigliamo di lasciarli settati come di default.

Colore e Contrasto

La modalità Auto consente di settare in automatico la miglior combinazione colore su qualsiasi scenario di ripresa. Ad ogni modo, se si vogliono ottenere risultati professionali conviene affidarsi alle impostazioni manuali. Tanto per intenderci, riprendere un tramonto farà aumentare la velocità otturatore e diminuire la ISO, bilanciando in automatico il bianco se settato in Auto, facendo così perdere dettagli di luce preziosi che possono essere resi più profondi armeggiando con i tempi di posa, le regolazioni ISO ed il bilanciamento in quest’ordine (ricorda di guardare l’anteprima in tempo reale sul display). I Galaxy S7 svolgono egregiamente il loro compito anche in modalità automatica ma i dettagli raccolti intervenendo manualmente sulle impostazioni avanzate vi consentiranno di raggiungere risultati ragguardevoli. Provare per credere.Galaxy S7 opzioni rapide fotocamera

In entrambi i telefoni, l’apertura del diaframma è piuttosto elevata di default e riuscirete così a catturare molta luce a prescindere dalla scena e dalle impostazioni finali. Intervenire, in questo caso, su colori e contrasti attraverso la PRO Mode vi garantirà uno scatto artistico e dai dettagli interessanti.

Scatti al buio con modalità PROGalaxy S7 scatto al buio

Una delle grandi peculiarità dei nuovi Samsung Galaxy S7 è l’innata capacità di vedere luce anche dove non c’è. Anche in questo caso, i risultati migliori si ottengono in Modalità Pro Galaxy S7. Un risultato cui si è arrivati passando per continui step migliorativi che hanno visto protagonisti i device delle generazioni precedenti come in Galaxy S6 nelle sue varianti e Galaxy Note 5.

Il livello di rumore e sfocatura, anche in condizioni limite, sono ora notevolmente attenuati e permettono di ottenere risultati eccezionali in ogni condizione di luce. Come già anticipato, l’ampia apertura del diaframma e pixel più grandi agevolano lo scatto in simili scenari senza il bisogno di intervenire sui parametri ISO. Infatti, più alto è ISO più rumore otterremo nel nostro scatto finale.

A livello PRO, trovare il giusto compromesso tra le modalità 600-1600 e 600-800 delle ISO e le regolazioni di velocità sulla messa a fuoco – a maggior velocità corrisponde in genere maggior disturbo dovuto al naturale tremolio degli arti superiori – vi permetteranno di generare uno scatto perfetto proprio come se vi trovaste di fronte ad una scena naturalmente illuminata.

In tal caso puoi sempre scegliere di armarti di cavalletto treppiedi per stabilizzare i tuoi scatti, compensando così la perdita di equilibrio delle impostazioni ISO- dell’ otturatore, ed impostare il timer su 3 o 10 secondi per lo scatto automatico. Avrai così il risultato migliore per le tue foto al buio.

Soggetti in movimento

Riuscire ad immortalare un soggetto in movimento senza sfocature e senza rumore e perdita di dettagli fa la differenza tra un fotografo di grido ed un freelance alle prime armi. I professionisti del settore sfruttano un aumento della velocità focale per immortalare i proprio soggetti in azione facendo così entrare molta meno luce e rischiando di far apparire un’immagine troppo buia. Anche in questo caso, come il precedente, è tutta una questione di equilibrio tra i parametri.

Le modifiche in tempo reale effettuate tramite le impostazioni manuali ci daranno un’idea precisa sulla messa a fuoco (consigliamo automatica per soggetti vicini all’inquadratura) e sul resto della scena, in particolar modo sul livello di illuminazione. La configurazione, in tal caso, deve essere effettuata in anticipo onde evitare di arrivare impreparati allo scatto conclusivo. In tali condizioni l’utilizzo della modalità PRO è da riservare ad autentici veterani del mestiere, vista la difficoltà generale della scena.

Ripresa in RAWGalaxy S7 fotocamera RAW

Il vantaggio delle riprese in formato RAW (grezzo) rispetto ad un JPEG, si traducono nella possibilità di avere maggior controllo sulla modifica ed il post-elaborazione. Il formato JPEG è un formato compresso e riduce fino a 10x la quantità di informazioni disponibili e quindi i dettagli sull’immagine pur offrendo un buon compromesso tra qualità e dimensione. Il formato RAW consente perciò maggior spazio di manovra anche nel post-produzione attraverso software di grafica e fotoritocco professionali attraverso PC o applicazioni smartphone come Adobe Lightroom.

In particolare con S7 possiamo scattare nativamente sia in RAW che in JPEG, anche se la modalità RAW non è settata di default.

Attivare la modalità RAW

Per attivarla recatevi nelle Impostazioni in basso a sinistra e, nella modalità PRO, selezionate Salva Come File RAW. Quando è attiva l’opzione, entrambi i formati vengono salvati nella memoria telefono e non su scheda SD esterna anche se avete settato quest’ultima come posizione privilegiata per il salvataggio. Per spostare i file occorrerà portarsi intervallano della cartella DCIM del telefono ed individuare le foto qui salvate.

Nel caso di file RAW si consiglia, vista la dimensione maggiorata, di spostare periodicamente le foto su PC per liberare spazio di archiviazione. Ciò renderà anche più facile una successiva modifica attraverso programmi di foto ritocco. Ovviamente, limitate quanto più possibile i file RAW visto che occupano davvero tanto spazio (10 volte in più rispetto ad un JPEG) ed affidatevi al più modesto JPEG se avete messo in conto di fare un reportage fotografico dall’elevato quantitativo di scatti.