Galaxy S7 Edge: Recensione a lungo termine, per il telefono Android migliore di sempre

Con il Note 7 ormai fuori dai giochi, Samsung tenta di giocare il tutto per tutto passando le redini della situazione al tanto apprezzato e contestato Samsung Galaxy S7 Edge, senza ombra di dubbio uno dei migliori, se non il migliore, smartphone Android di sempre.

Non che la stessa società punti a screditare il suo Galaxy S7 Standard ma, alla luce dei fatti, l’azienda ha dato certamente il meglio di se proponendo uno smartphone che, in tutto e per tutto, si presenta perfetto sotto il profilo estetico e dell’usabilità, al punto di rincarare la dose concedendo non soltanto una variante Galaxy S7 Edge Blu Coral ma anche una promettente e, diciamocela pure, provocante Glossy Black (aka Jet Black).

Nessuna concorrenza sul profilo dei terminali Android in quanto ad esperienza utente ed innovazione e, sul fronte della concorrenza, non secondo nemmeno ad Apple che, con i suoi iPhone 7 ed iPhone 7 Plus, ha di certo peccato di noncuranza nel reparto camera e design che, seppur rispondenti ai gusti degli adepti, risultano lontani rispetto al lavoro svolto dalla sudcoreana per questi straordinari prodotti mobile.

A quasi otto mesi dalla sua commercializzazione, il cui lancio è stato anticipato anzitempo nel corso del Mobile World Congress 2016 di Barcellona, riproponiamo quella che abbiamo denominato come una recensione Galaxy S7 Edge a lungo termine, visto e considerato che, seppure sia passato tanto tempo, ci troviamo di fronte ad un device immortale sotto il punto di vista dell’innovazione e, inoltre, destinato a migliorare in vista delle prossime ottimizzazioni di sistema da introdursi a mezzo Android 7.0 Nougat ed interfaccia Grace UX – della quale ne abbiamo avuto un tenue assaggio con Note 7 – ora totalmente più fluida, leggera ed usabile della precedente Samsung TouchWiz UI.

galaxy s7 edge display

In attesa di un Galaxy S8 che, secondo previsione, potrebbe vedere la luce in analoghe circostanze e, comunque, non prima del prossimo mese di Aprile ci riserviamo quanto meno il diritto di portare in auge un telefono che, per molti, potrebbe rivelarsi il prossimo smartphone.

Galaxy S7 Edge Performance

Abbiamo detto che lo smartphone è perfetto, ma non sempre ciò corrisponde a verità. Di fatto, sebbene molto sporadicamente, si osserva qualche lag che non permette un redirect rapido alla HomePage nel caso di chiusura tramite pulsante centrale, aperture a rallenty per le app ed altre piccolezze che, per quanto irrisorie, di certo non ci aspetteremo di vedere su un telefono del calibro di un vero top di gamma.

Probabilmente tutta colpa della Touchwiz, come noto avida di risorse. Ma tutto sta per cambiare, in vista del rilascio della versione stabile di Android N, già apprezzata con l’ultima terza Beta Version.

Galaxy S7 Edge Fotocamera

La fotocamera è il top, proprio per questo si era deciso di riproporla, tale e quale, anche su quello che sarebbe dovuto essere un Note 7 alla massima potenza. L’avvio rapido con doppio tap su tasto centrale è una vera comodità, anche se a schermo spento non da sicuramente il meglio di se. Un rallentamento che, in modo del tutto analogo, ha investito anche il sensore per le impronte digitali on-board che, come noto, trova posto sotto il profilo del pulsante stesso. il quale si fa carico di adempiere a diverse operazioni integrate.

galaxy s7 edge fotocamera

Le prestazioni della fotocamera Galaxy S7 Edge sono davvero degne di nota e sono forti della nuova tecnologia Dual Pixel e di un sensore in grado di accogliere una grande quantità di luce (f/1.7) che permette, anche in ambienti con luminosità critica, di realizzare scatti sempre perfetti. Scatti addirittura migliori non soltanto di iPhone 7 (ma questo lo sapevamo già), ma anche di Google Pixel, benché autorità coem Dx0Mark ne abbiano dato una valutazione paritaria che, a nostro avviso, non rispecchia la realtà delle cose in condizioni di utilizzo particolareggiate come le scene al buio.

Quello che non ci ha convinto? La fotocamera frontale Galaxy S7 Edge, decisamente troppo nella media per fregiarsi del titolo di soluzione top di gamma. La risoluzione è decisamente bassa ed il rumore alle stelle.

La cosa si può risolvere con un reset ai dati di fabbrica, sebbene c’è da chiedersi se sia davvero necessario dover provvedere in tal senso in luogo di un terminale di ultima generazione.

Galaxy S7 Edge Design

Uno dei punti di forza di questo smartphone Galaxy S7 Edge è sicuramente il design, La curvatura simmetrica in stile dual-Edge e la presenza di un sistema di accesso rapido alle funzioni importanti è stato, così come in occasione di S6 Edge ed S6 Edge Plus, il surplus vincente di questo device che, inoltre, ha provveduto ad un annesso miglioramento funzionale rispetto alla generazione precedente. Peccato, invece, per l’estrema fragilità, per la quale si è rivelato un dato davvero poco rassicurante in luogo di un utilizzo maniacale anche in presenza di cover protettiva. Niente da fare, lo smartphone si graffia fin troppo facilmente.

Il Cornig Gorilla Glass di quarta generazione, in questo caso, non è risultato essere assolutamente all’altezza della situazione ed è, pertanto, il vero punto debole di questo telefono dal punto di vista delle caratteristiche costruttive. Un problema che non riguarda soltanto l’S7 Edge ma che, ad ogni modo, si lascia manifestare anche a bordo di altri terminali in cui, nell’ottica di un esborso importante, il problema iniziale non dovrebbe neanche lontanamente sussistere.galaxy s7 edgeA parte questo, resta comunque il telefono migliore di sempre in quanto a design, anche se chi ha avuto modo di provare Note 7 ha parecchio da ridire, trovandosi effettivamente di fronte ad una bellezza unica del panorama mobile della telefonia. Schermo SUPER AMOLED brillantissimo e dai neri profondi, curvatura laterale con Edge-Launcher e struttura che non lascia intendere di trovarsi di fronte ad un 5.7 pollici sono tutt’oggi le carte vincenti di questo prodotto, nonostante i mesi alle sue spalle.

Un altro punto a favore di questo Galaxy S7 Edge? Il miglior sensore di luminosità mai provato su Android, Preciso e responsivo sono i due termini che meglio lo identificano, forse anche troppo preciso, al punto tale da spingere l’utente a provvedere manualmente a causa dei repentini cambi di luminosità negli spostamenti tra zone d’ombra e zone fortemente illuminate. L’adattamento di luminosità è il migliore della categoria.

Galaxy S7 Edge Batteriagalaxy s7 edge batteria

Un parametro fondamentale e che, a distanza di mesi, porta realmente allo scoperto le capacità di resa energetica del dispositivo, ora costretto a fare i conti con un gran numero di applicazioni e con la naturale usura delle celle agli ioni di litio che, in base alle specifiche, devono sobbarcarsi un luminoso display da 5.7 pollici 2K ed un comparto hardware di tutto rispetto. Ad ogni modo, nessun particolare problema di autonomia nel corso di un utilizzo tipico giornaliero che, seppur evidenzi un battery-drain moderato in fase di inattività, concede un utilizzo che copra l’intera giornata.

Ad ogni modo non aspettatevi si utilizzare il navigatore in strada o in auto per lunghi tragitti senza avere dietro il vostro powerbank o il vostro caricabatteria Galaxy S7 Edge da auto.

Galaxy S7 Edge: conviene ancora comprarlo?

La risposta dipende unicamente da un fattore preferenziale. Parliamo, dati alla mano, di uno smartphone con alle spalle otto mesi di vita, ma non per questo meno valido di altre soluzioni di mercato il cui prezzo si posiziona ben più in alto, sebbene in molti casi si osservi un sensibile aumento sul dato delle performance.

Come già riferito, inoltre, l’aggiornamento ad Android N migliorerà, e non di poco la situazione, consentendo (almeno sul piano delle prestazioni generali) un appaiamento di score sul piano di iPhone 7, oggettivamente un mostro sotto il profilo delle performance rispetto alle soluzioni S7 Edge di Samsung.

Quindi, non vi sarebbe alcun motivo per non preferire questo straordinario Samsung Galaxy S7 Edge. L’esperienza è stata, e di fatto continua ad essere, davvero positiva e, in tale ottica, non può far altro che migliorare in vista degli update.

galaxy s7 edge design

Dall’altro lato, comunque, vi è da considerare l’uscita ormai vicina di Galaxy S8, prevista entro e non oltre i sei mesi. Lo scontro con iPhone 8 e la volontà di rivalsa da un Note 7 disastroso consentiranno, quasi sicuramente, di apprezzare uno smartphone ai massimi livelli. In tal caso, il fatto di portarsi a casa uno smartphone “vecchio di un anno” potrebbe farvi rimpiangere l’acquisto.

Come detto all’inizio, quindi, la cosa è puramente soggettiva. Adesso passiamo la parola a chi, come noi, ha avuto modo di sperimentare nel tempo la propria esperienza con il terminale. Che cosa ve ne pare di questo smartphone? A voi la parola.

LEGGI ANCHE: Galaxy S7 Edge ha il più basso indice SAR del comparto smartphone