Garanzia Italia o garanzia Europa negli smartphone? Ecco alcuni chiarimenti

Che differenza c’è tra garanzia Italia e garanzia Europa? Questa domanda negli ultimi anni è diventata sempre più comune tra i consumatori, specialmente quelli che acquistano online smartphone o tablet. In questo articolo vi spiegherò le differenze che ci sono.

Garanzia Italia o garanzia Europa: le differenze

Quanto dura la garanzia in Italia?

Prima di spiegarvi la differenza tra le due garanzie dovete sapere che, in Italia, la normativa vigente ha stabilito la durata della garanzia di un qualsiasi prodotto in 24 mesi nel caso di un normale acquirente, e 12 mesi  nel caso di un’azienda che acquista un bene con partita IVA. Tale durata è identica indipendentemente se parliamo di garanzia italiana o europea.

Garanzia Apple

A parte i prodotti Apple, tutti gli altri brand hanno le stesse differenze tra garanzia Italia e garanzia Europa. Apple è sicuramente la migliore azienda per quanto riguarda la garanzia: per i dispositivi acquistati negli Apple Store l’azienda offre assistenza ai clienti per ben 24 mesi, che scendono a 12 se invece acquistate da un rivenditore esterno. E’ importante precisare che Apple in caso di guasto sostituisce il vostro prodotto con uno nuovo (rigenerato). Tecnicamente, le differenze principali tra i due tipi di garanzie saranno su:

  • caricatore: se acquistate con garanzia Europa nella scatola potrete trovare un adattatore con spina inglese e non italiana;

garanzia apple europea o italia

  • prezzo: acquistando un dispositivo Apple con garanzia Europa, il risparmio sarà di circa 100€ dal prezzo di listino e potrebbe non valerne la pena.

L’assistenza sui device, con garanzia europea e italiana

Per gli altri brand le differenze sono altre. Samsung, Huawei, HTC e Sony acquistati con garanzia italiana assicurano la loro assistenza nei centri italiani con tempistiche brevi, anche se secondo molti utenti la gestione nei centri assistenza italiani è disastrosa in quanto spesso e volentieri ci si ritrova con problemi irrisolti e tempistiche che superano gli standard; con la garanzia europea spediscono lo smartphone ai centri europei.

Con garanzia Italia, in caso di guasto, ci si può rivolgere al proprio rivenditore o a un centro assistenza autorizzato. In genere i dispositivi con garanzia Europa si acquistano in negozi online, di conseguenza, è importante scegliere con attenzione un rivenditore che sia affidabile: possiamo comprenderlo dalle informazioni presenti nel sito, in un buon negozio sarà sicuramente presente una sezione che parla della garanzia. Generalmente, nel caso di problemi, basta spedire lo smartphone all’indirizzo indicato, successivamente si occuperanno di tutto il resto.

Le differenze di prezzo

Le differenze per questi brand non sono solo queste: fondamente differisce nel prezzo di acquisto. Con garanzia Europa, mediamente, per l’acquisto di smartphone, si risparmiano  tra i 50 e i 100 euro.

I manuali d’uso

Nei prodotti acquistati con garanzia Europa sono inclusi i manuali multilingua ma può mancare la lingua italiana, il problema non si pone perché esistono i manuali italiani in versione digitale scaricabili dal sito del produttore del prodotto acquistato.

Il software e il firmware

Un’ultima differenza, fondamentale, sta nel firmware: se acquistate, ad esempio, uno smartphone con garanzia europea sarà, di fatto, di importazione europea e quindi anche il firmware sarà in “versione europea”, potreste trovare preistallate incompresibili app straniere. Tutto ciò non comporta alcun problema, poiché le app si possono comunque disinstallare e il firmware è identico (potrebbe differire soltanto nella tempistica degli aggiornamenti).

Ecco un prospetto riassuntivo proposto da ePrice, che sintetizza, nel dettaglio, le differenze sostanziali:

meglio garanzia italiana o europea

Dunque, rimane un atroce interrogativo: vale la pena godere di una garanzia europea, godendo di un prezzo migliore, o una garanzia italiana, che predilige una migliore assistenza? A voi la scelta. Via | ePrice

  • Roberto

    Attenzione, l’articolo può creare molta confusione. Voi state parlando della GARANZIA CONVENZIONALE, ovverosia quella garanzia del tutto FACOLTATIVA che il produttore concede contrattualmente all’utente finale. La garanzia convenzionale può essere gratuita o a pagamento, oppure gratuita per un periodo e/o per coperture più limitate e a pagamento per l’estensione del periodo e/o delle coperture (come fa la Apple con l’Apple Care). Molti produttori fanno la differenza tra garanzia italiana o europea e valgono le considerazioni della tabella ePrice, ma parliamo sempre e comunque della GARANZIA CONVENZIONALE.

    La legge NON prevede 24 mesi di garanzia convenzionale. Come ho già detto, questa è una forma di garanzia concessa VOLONTARIAMENTE dal produttore al consumatore finale, nessuna legge glielo impone.

    I 24 mesi invece riguardano la cosiddetta GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ. Tale garanzia è prevista dalla legge (Codice del Consumo per precisione), ed è dovuta dal RIVENDITORE. Quindi, indipendentemente dal canale d’importazione della propria merce, il rivenditore è tenuto a fornire al consumatore finale 24 mesi di garanzia. Di norma il rivenditore, una volta ricevuta la merce difettosa, si rifà sul produttore (e quindi se il prodotto è “garanzia italia” i tempi sono più brevi), ma il rapporto consumatore-produttore NON è previsto per la garanzia legale di conformità.

    Per quanto riguarda la storia dei 12 mesi alle aziende, si parla SEMPRE di garanzia legale. La spiegazione è semplice, il Codice del Consumo che prevede i canonici 24 mesi è destinato solo ai consumatori (coloro che acquistano per scopi estranei all’attività professionale). Detto ciò, nel momento in cui un professionista o un’azienda acquista un prodotto fatturato sulla sua partita IVA (che diventa quindi bene strumentale dell’attività professionale), l’acquisto non rientra tra quelli previsti dal codice del consumo. A questo punto, troveranno applicazione le norme generiche sulla garanzia del codice civile, che prevedono appunto 12 mesi di garanzia.

  • Arturo Bardelli

    ATTENZIONE! Huawei NON fornisce più assistenza nei centri assistenza italiani per telefoni con GARANZIA EUROPA!!! L’unico centro assistenza con laboratorio di riparazione che è Video Pacini di milano in via pacini 67 ha appena RIMBALZATO il mio huawei nexus 6P, dopo averlo accettato come in garanzia e tenuto una settimana a far non so bene cosa