Google è davvero incredibile: ha comprato l’alfabeto !!

google non smette mai di stupire. Dopo Google Maps, Google Earth, Google Drive e Google Chrome non ci si poteva aspettare nient’altro a parte qualcosa di scontato. Ed invece no, perché Google ha comprato l’alfabeto, metaforicamente parlando.

Google punta a riorganizzare l’alfabeto

Dopo Google traduttore, l’azienda di Mountain View si butta a capofitto in una nuova impresa letteraria. Scherzi a parte. Il colosso americano ha inglobato il dominio abcdefghijklmnopqrstuvwxyz.com, creato nel lontano 1999 da un utente privato che decise di cederlo a BigG dietro pagamento. La decisione di una simile scelta di mercato coinciderebbe con la volontà dell’azienda di riorganizzare tutte le proprie società e divisioni appartenenti al proprio gruppo. Inizialmente Google aveva insolitamente creato un dominio Abc.xyz giustificando la creazione di questo con la mancata disponibilità di Alphabet.com (BMW Society Group) ed Abc.com (American Channel). Mountain View sceglie LinkedIn, Google tradita

Agli inizi della scorsa settimana però, si è scoperto che BigG ha deciso di acquistare il dominio alfabetico suddetto. Lo si è saputo dal sito Domain Investing  che per primo ha documentato la faccenda. Momentaneamente però, l’indirizzo cui puntiamo non conduce ad alcuna pagina web ma in futuro il colosso di Mountain View potrebbe adottare un redicrect da questa verso il dominio Abc.xyz, già registrato e di sua proprietà.

Ci siamo resi conto che nel dominio abc.xyz mancavano delle lettere, così abbiamo rimediato comprando abcdefghijklmnopqrstuvwxyz.com

Riferisce ironicamente un portavoce di Mountain View allo Street Journal. Un dominio attualmente valutato circa 2448 dollari (al cambio 2.156 euro). Tuttavia non si sa come e con quali modalità questo si renderà attivo. Google sta comunque, in questo modo, concretizzando la volontà di riorganizzare la sua azienda di riferimento e le sue succursali come annunciato già in agosto.

Staremo a vede gli ulteriori sviluppi della faccenda. E voi cosa ne pensate? Tranquilli, avete voce in capitolo nonostante Google abbia avuto il privilegio di comprare tutto l’alfabeto 🙂