Google PlayStore: arrivano app in anteprima e nuove funzioni sviluppatore

Google Corp., nel corso dello svolgersi di un recente evento che in queste ore lo ha reso protagonista nel palcoscenico di San Francisco, ha annunciato importanti nuovi cambiamenti in merito ad un nuovo set di funzionalità da implementarsi verso l’ambiente di sviluppo su Google Play. Cambiamenti che riguarderanno quindi, in prima persona, gli sviluppatori e che forniranno i giusti presupposti per l’individuazione ed il download semplificato dei prodotti nei confronti degli utenti finali.

Secondo quanto riferito in sede espositiva da BigG, gli sviluppatori saranno in grado di operare secondo alcune nuove opzioni specifiche che introducono una nuove gestione per la sottoscrizione degli abbonamenti periodici. In tal senso, ad esempio, sarà possibile proporre un abbonamento a costo agevolato per il primo mese, prima di passare ad una tariffazione a tempo pieno sul servizio.

Le novità, inoltre, tengono conto anche del pre-record, ovvero sia la pre-registrazione che permette di ricevere un alert utile per l’individuazione delle risorse disponibili a tempo utile. In tal modo, quindi, si potrà ricevere una notifica sulla disponibilità di una app o un gioco. Funzione disponibile ora per un maggior numero di developer, benché inizialmente limitata ai soli Supercell, King, Google e pochi altri.

google developers

Early Access, inoltre, sarà anch’essa disponibile verso tutti i programmatori e le loro app, che potranno essere valutate in anticipo da una cerchia di utenti ai quali verrà affidato accesso prioritario ai fini di un rilascio feedback anticipato. I developer di soluzioni mobile game indie, inoltre, potranno contare sull’inserimento dei propri titoli in Indie Corner, un’apposita sezione Google Play Store cui si potrà partecipare compilando un apposito form di riferimento che troviamo a questo indirizzo.

Per finire, citiamo anche la pubblicazione delle nuove API Beta chiamate voidedPurchases API, le quali forniranno il supporto necessario allo sviluppatore per l’individuazione degli utenti richiedenti rimborso, garantendo così una gestione efficace e flessibile delle proprie entrate. google play store developers

Maggiori informazioni in proposito possono essere reperite attraverso la pagina ufficiale Google Developers. Che ve ne pare?