Google innova la sua shopping experience con ‘Shop The Look’

Google ha  ampliato la sua piattaforma di pubblicità per i rivenditori con il lancio di “Shop the  Look” – una giostra visiva che caratterizza i prodotti e che è simile ad una query di ricerca di un utente. Questo nuovo prodotto avrà lo scopo di attirare l’attenzione degli utenti sulle immagini che promuovono marchi e prodotti nelle piattaforme social più popolari come Pinterest e Instagram.

Si estendono anche funzioni di ricerca sugli annunci commerciali visivi  di Google, portando una più stretta concorrenza per quanto concerne il settore dell’e-commerce. Il nuovo prodotto/Banner pubblicitario è lanciato in versione beta ed è disponibile solo negli Stati Uniti, per il momento.

Il Banner ‘Shop the Look’ si trova nella sezione di Google per i link sponsorizzati – direttamente sotto la casella di ricerca e, soprattutto, vicino ai risultati di ricerca. È dotato di immagini shoppable che corrispondono alla query di ricerca di un utente, in modo che quando un utente digita ad esempio “abito da cocktail”, la giostra/Banner mostrerà una serie di immagini di persone che indossano questi abiti nella situazione desiderata.

In questa maniera gli utenti sono in grado di acquistare con un solo tocco uno degli abiti che hanno appena visionato. Ovviamente questo non vale solo per i vestiti ma per ogni altro elemento presente nelle foto, come borse, scarpe, gioielli etc.

Leggi anche: Microsoft svelerà a fine ottobre un Pc Surface all-in-one

shop the look

Ovviamente i brand mostrati nella giostra sono quelli di aziende e rivenditori che sono partner certificati del celebre motore di ricerca. La nuova funzione di ricerca visiva si basa sulle recenti modifiche introdotte da Google nel settore per quanto concerne i banner degli annunci commerciali. Questa novità dovrebbe garantire a Google maggiori introiti rendendo nello stesso tempo la piattaforma più accogliente per gli inserzionisti e i rivenditori online.

Leggi anche: Chrome mostra enormi risparmi di batteria in risposta a Microsoft