Guidare distratti: la tecnologia può risolvere il problema che ha causato?

Guidare l’auto mentre si è distratti dall’utilizzo di un dispositivo elettronico come smartphone o tablet è uno dei più grandi pericoli che può derivare alla nostra vita  per quanto concerne il nostro rapporto con la tecnologia. Tuttavia gli esperti ritengono che proprio la tecnologia che è causa di questo problema potrebbe essere anche la sua soluzione definitiva. Un certo numero di tecnologie sono state sviluppate per cercare di eliminare potenziali distrazioni dai nostri smartphone. E i conducenti, almeno secondo un recente sondaggio, sembrano aver risposto bene all’idea.

In un sondaggio promosso dal Consiglio nazionale di sicurezza , a 2.400 guidatori di automobili provenienti da tutto il paese è stato chiesto cosa avrebbero fatto se la propria auto o il proprio dispositivo mobile venissero pre-impostati con soluzioni tecnologiche per bloccare alcune distrazioni in uscita e le comunicazioni in entrata. Il cinquanta per cento dei conducenti hanno detto che avrebbero utilizzato quelle tecnologie in atto per evitare di essere distratti. Solo il 23% dei conducenti presi in considerazione dal sondaggio ha detto che avrebbe disattivato le tecnologie in questione.
Secondo l’ex ingegnere spaziale e imprenditore Scott Tibbitts di Boulder, Colorado, la soluzione a questo problema sta proprio nella tecnologia, che dunque può essere vista al contempo come una malattia e anche un vaccino. Tibbitts è in missione per cercare di porre fine alla guida distratta. Nel 2008, dopo il suo arrivo per un incontro di lavoro, ha saputo che la persona che era andato ad incontrare, il vice presidente di una società di ingegneria, un marito e padre di due figli, era stato ucciso solo poche ore prima da un conducente che sarebbe stato distratto da alcuni sms. L’ingegnere è rimasto molto scosso da questa vicenda che ha messo in evidenza ancora una volta come fosse pericoloso guidare distratti.
Scott Tibbitts ha pensato a come questa situazione con l’andare degli anni non possa che peggiorare, mano mano che la tecnologia si diffonderà sempre di più. A quel punto ha pensato che era giusto provare a fare qualche cosa per risolvere il problema del guidare distratti dalla tecnologia. La risposta Tibbitts a questo problema è stato un prodotto chiamato Groove , che lui e un gruppo di imprenditori tecnologici con sede in Colorado ha creato attraverso la società Katasi. Groove è un piccolo dispositivo che si collega in macchina, sotto il volante, e si connette al cloud del dispositivo mobile, lasciando sapere al vostro provider di telefonia mobile se si è alla guida. Questo sistema in pratica blocca  la ricezione di tutte le e-mail, testi e aggiornamenti dai social network e vi impedisce di inviare messaggi e postare sui social media durante la guida.
“Quando si avvia la guida, si va in modalità aereo super, dove le cose che possono distrarre  vengono eliminate. Inoltre se qualcuno vi cerca in quel preciso momento, il vostro smartphone informerà la persona che in questo momento non potete rispondere in quanto siete impegnate nel guidare. “Groove consente funzionalità considerate sicure”, ha detto Tibbitts “, come la navigazione e lo streaming di musica.” Il prodotto può anche essere personalizzato, ad esempio se si desidera bloccare l’utilizzo di una di queste funzioni durante la guida di vostro figlio. In questo momento questa nuova tecnologia  ha due programmi pilota in corso, uno in Australia e l’altra negli Stati Uniti. Inoltre si sta pensando di portare la sperimentazione anche in paesi quali Austria, Kenya e la Nuova Zelanda.