, ,

Instagram Storie, arrivano le pubblicità

La funzione Instagram Storie, “rubata” a Snapchat e che permette di raccontare la propria giornata attraverso fotografie, immagini e video che poi scompaiono dopo 24 ore, abbraccia il mondo delle pubblicità. I primi esperimenti in tal senso sono già partiti, con una trentina di società interessate che possono pubblicare inserzioni all’interno del social network fotografico acquistato da Facebook nel 2012.

Instagram Storie: arrivano le pubblicità

Sul blog ufficiale di Instagram si legge: “Con il 70% degli utenti di Instagram che segue almeno un’azienda, non sorprende che un terzo delle storie più viste sia pubblicato dalle imprese”. Infatti le imprese avranno un ruolo più importante all’interno del social fotografico di Facebook, visto che d’ora in avanti potranno inserire post a tutto schermo e avranno la possibilità di monitorare l’incidenza di ciò che hanno pubblicato. Per ora sono soltanto trenta le società abilitate alla pubblicazione di contenuti pubblicitari, tra cui la piattaforma di video in streaming Netflix, il sito di e-commerce dei principali brand di alta moda Yoox, Capital One, General Motors e Nike.

Instagram Storie, arrivano le pubblicità

“Le Storie – spiega Luca Colombo, country manager di Facebook Italia – offrono la possibilità alle aziende, grandi e piccole, di connettersi in maniera più stretta con la loro Community, mostrando il dietro le quinte della propria attività, o dando anticipazioni su eventi, prodotti o servizi”. Grazie alle inserzioni pubblicitarie, sottolinea Colombo “le aziende italiane potranno raggiungere i propri obiettivi di business”.

LEGGI ANCHE
Instagram non si ferma più: in due anni utenti raddoppiati
Sicurezza su instagram, nuovi tool a tutela dell’utenza

Altra novità per Instagram Storie riguarda il numero di utenti che la utilizzano. La nuova funzione, resa disponibile 5 mesi fa, ha raggiunto i 150 milioni di utenti giornalieri. Una tendenza figlia di una forte crescita anche degli utenti attivi su Instagram mensilmente, pari a 600 milioni contro i 300 milioni di due anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…