La NASA incomincia a caricare video su Youtube in 4K

Da ieri la NASA ha incominciato a caricare i propri video su Youtube in 4K ed a 60 fps, facendo i modo che le immagini siano ancora più spettacolari

Uno dei paesaggi più spettacolari da vedere in video è senza dubbio lo spazio attorno al pianeta Terra. Per via della sua inaccessibilità alla massa, esso ha da sempre rappresentato il luogo più affascinante da riprendere con le video camere. Inoltre, grazie alle recenti dichiarazioni fatte dalla NASA, questo panorama sarà ancora più spettacolare. A partire infatti da ieri, la NASA ha deciso di caricare tutti i propri filmati su Youtube alla risoluzione 4K.

Potrebbe non sembrare una vera e propria novità, in quanto già in passato sono stati pubblicati dei filmati in 4K da questo ente. Questo è vero, tuttavia in passato tali filmati si ottenevano attraverso delle immagini in time lapse che necessitavano di un grossissimo lavoro di editing in post produzione che prendeva molto tempo. Grazie alle nuove attrezzature invece, sarà possibile catturare molti più video dato che verranno ripresi nativamente alla risoluzione del 4K. Come se non bastasse poi, tutti i nuovi video saranno ripresi a 60 fps, così da avere immagini quanto più fluide possibili.

ISS NASA

Il primo filmato di questo genere è stato già caricato dalla NASA e lo potete trovare qui di seguito. Purtroppo non è un video molto lungo e mostra “solamente” alcuni spezzoni di attività lavorative all’interno della ISS (International Space Station).

 

L’intento del filmato però non è tanto quello di mostrare immagini mozzafiato dello spazio ma quello di promuovere in un certo senso la nuova tendenza della NASA a caricare video a tale risoluzione elevatissima.

Per poter usufruire a pieno di questo tipo di filmati, occorrono necessariamente tre cose:

  • Una TV o un monitor a risoluzione 4K;
  • Un computer abbastanza potente da poter decodificare una tale risoluzione;
  • Una connessione ad internet abbastanza veloce da poter scaricare un filmato del genere.

Sicuramente i primi due punti sono quelli più accessibili, in quanto la diffusione di Smart TV 4K sta subendo un boost senza precedenti, con prezzi in netto calo rispetto all’anno scorso ed utenti sempre più interessati alla tecnologia ed anche i PC moderni sono in grado di fare il lavoro di decodifica senza troppi problemi. Per quanto riguarda l’ultimo punto, purtroppo non è una cosa che possiamo direttamente cambiare noi utenti ma sta ai provider internet adeguarsi mediante l’aggiornamento delle infrastrutture di rete. Da questo punto di vista, l’Enel potrà dare una grossa mano | Enel vuole realizzare la nuova rete in fibra ottica |.

Mentre siamo in argomento, vi ricordiamo che il futuro della connettività internet sarà rappresentato dal 5G | Arriva il 5G, potrebbe scaricare 30 film in un secondo! |, con Samsung che ha già iniziato i primi test a riguardoSamsung: primi test sul 5G – Video | Samsung prepara il 5G: entro il 2020 scaricheremo film in un secondo |.