Acqua su Marte. E nel futuro… (le immagini)

Da due giorni è dunque arrivata l’ufficialità: dalla NASA ci è stata confermata la presenza di acqua salata allo stato liquido. sul suolo del Pianeta Marte. La presenza di acqua è rilevabile con cadenza stagionale, ma è assente invece la presenza di ghiaccio. La conferenza stampa tenuta due giorni fa è sicuramente stata storica; uno di quegli eventi che segnano il tempo, nonostante mancasse soltanto la conferma delle rilevazioni e degli studi effettuati nel corso degli anni.

C’è vita su Marte?

Segni di vita su Marte ancora non se ne sono registrati, ma data la scoperta della presenza di acqua sul Pianeta Rosso, non è da escludere. In linea di massima, potrebbe essere l’orientamento e l’obiettivo delle prossime esplorazioni.

Acqua su Marte, i primi rilevamenti e gli studi fatti

I primi rilevamenti, risalenti agli anni sessanta hanno registrato l’esistenza di acqua in forma solida su Marte, ovvero di gas in atmosfera e ghiaccio di superficie. Su Marte erano state rilevate calotte polari formate da un tipo di mare cristallino e da biossido di carbonio. L’Orbiter Mars Odyssey, da oltre un decennio, aveva scoperto che sulla superficie del Pianeta Rosso c’era una grande abbondanza di ghiaccio, eccezion fatta per le regioni equatoriali.

La sonda Phoenix nel 2007 ha dimostrato che le formazioni di ghiaccio alle latitudini polari di Marte non erano soltanto abbondanti, ma distavano soltanto pochi centimetri dalla superficie. A completare il quadro, diverse sonde hanno poi rilevato anche i resti di numerosi ghiacciai che ricoprivano la superficie.

Nel 2010 sono state effettuate delle riprese con la fotocamera HiRISE MRO (Mars Reconnaissance Orbiter) in cui venivano mostrati alcuni canali che condividevano in modo coerente una formazione d’acqua allo stato liquido, da questo punto in poi la situazione è cambiata e si sono fatte sempre più certe le notizie che hanno portato, lo scorso 28 Settembre, alla conferma di quanto suddetto e presentate in diretta dal Direttore dell’Agenzia Spaziale Jim Green ed il suo staff.

Le rilevazioni effettuate su Marte in ordine cronologico

Quelle che seguono, sono una serie di immagini in ordine cronologico delle rilevazioni effettuate per capire e studiare la possibile presenza di acqua su Marte con le immagini del 2011, periodo in cui i ricercatori erano ancora lontani da qualsiasi tipo di conferma.

Lo studio di NASA/JPL del 2015, sorvolamento dei canaloni

Striature - Marte
striature formate dal flusso d’acqua, 2015/NASA/JPL/University of Arizona
canaloni, Marte
un’ulteriore presentazione di Lujendra Ojha per la NASA oggi: viene mostrato il punto preciso lungo i canaloni in cui la scoperta è stata fatta, 2015
Cratere Horowitz, Marte
RSL sul cratere Horowitz su Mars, 2015/NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Cronologia immagini dal 2006 al 2014

scorrere dell'acqua, Marte
una GIF animata mostra quello che i ricercatori hanno creduto, ma senza esserne ancora sicuri, che fosse lo scorrere dell’acqua su Marte, 2011/NASA/JPL
Coprates Chasma, Marte
RSL sulla valle marziana Coprates Chasma, su cui i ricercatori pensavano, senza avere ancora la conferma, che fosse il risultato di infiltrazioni d’acqua, 2014 / NASA/JPL/University of Arizona
canaloni, Marte
canaloni che mostrano evidenti segni di intaglio di acqua su Marte, 2007 / NASA/JPL/University of Arizona
burroni, Marte
burroni su Marte, 2007/NASA/JPL/University of Arizona
burroni con depositi, Marte
burroni con depositi su Marte, 2006/NASA/JPL/Malin Space Science Systems