Microsoft annuncia il lancio del suo Import Tool OneNote per Mac

Microsoft ha annunciato il lancio del suo Import Tool OneNote per Mac, che è stato progettato per consentire agli utenti Mac di trasferire rapidamente e facilmente tutti i loro appunti dalla app Evernote a Microsoft OneNote. La transizione da Evernote a OneNote è semplice, basta scaricare lo strumento di importazione, lasciando che l’applicazione individui il notebook Evernote, l’accesso al tuo account Microsoft, premendo il pulsante di importazione. Da lì, tutti i contenuti Evernote saranno disponibili in OneNote. Import Tool OneNote di Microsoft è tempestivo perché Evernote ha recentemente fatto un cambiamento di politica che ha spinto gli utenti a ricercare in altri servizi le medesime caratteristiche.

Microsoft: la transazione da Evernote a Onenote è semplice

A partire da fine giugno, i clienti che utilizzano un account di base gratuito Evernote sono in grado di accedere ai propri appunti su un totale di due dispositivi. Invece l’accesso ai contenuti Evernote su più di due dispositivi ora richiede un abbonamento Evernote, al prezzo di $ 3,99 al mese o 34,99 $ all’anno. OneNote richiede note per essere memorizzate utilizzando il servizio di cloud storage Onedrive (che viene fornito con spazio gratuito di 5 GB), ma non ci sono restrizioni. Si può accedere ad esso su più dispositivi. OneNote offre anche molte delle stesse caratteristiche che sono disponibili in Evernote e può servire come alternativa anche alla app di Apple.

Microsoft
Microsoft

Finora 71 milioni di pagine sono state importate da Evernote a OneNote da marzo

Ricordiamo anche che lo strumento di importazione nuova OneNote di Microsoft può essere scaricato dal sito web di OneNote gratis. Microsoft dice che finora 71 milioni di pagine sono state importate da Evernote a OneNote da marzo, e ora lo strumento Importer è disponibile sul Mac . Vedremo dunque come gli utenti reagiranno a queste novità che tra l’altro arriva come detto dopo il leggero aumento dei servizi a pagamento di Evernote, ai quali dunque l’azienda americana tenta di sferrare un attacco cercando di accaparrare nuovi clienti.

  • Michele

    Bella operazione strategica