Galaxy Note 7 AOD, tutte le novità del nuovo sistema

Galaxy Note 7 può contare sull’ormai conosciuta ed apprezzata funzione Samsung AOD (Always on Display). Concepita per migliorare nettamente l’esperienza d’uso di un terminale al top delle aspettative, è anche un elemento che fa la differenza dal punto di vista del design e pone perciò una netta differenza rispetto ai dispositivi dei diretti concorrenti di mercato.

Rispetto a quella vista per LG G5 e soprattutto Samsung Galaxy S7offre ora tutte le previste funzioni integrate a schermo spento in modalità S-Pen tra cui la nuova feature di memo a schermo spento che descriveremo qui di seguito.
note 7 Always on Display

Note 7 ha posto in essere delle serie e tangibili novità sia dal punto di vista hardware delle componenti che delle funzionalità. Sulla scia del successo registrato con l’introduzione della funzione Always-ON-Display Mode a bordo degli ultimi top di gamma della serie Galaxy S, Samsung ha deciso nuovamente di riproporre la funzione a bordo del phablet prevedendo al congiunta integrazione del sistema S-Pen. Vediamola insieme esaminando quanto appreso da SamsungNews.

Memo a schermo spento

Con la nuova funzione memo schermo spento, non abbiamo la necessità di lanciare l’applicazione promemoria per annotare un memo o una lista delle cose da fare. Al contrario, invece, possiamo comodamente utilizzare S Pen per scrivere una nota direttamente sull’ampio Galaxy Note 7 display.

Una volta che un memo è stato scritto a schermo, questo rimarrà visibile sul display AOD per un’ora, al fine di ricordare agli utenti eventi importanti, in modo del tutto simile ad una nota adesiva. Memo vengono poi salvati in modo tale da poter essere verificati in un secondo momento facendo semplicemente doppio tocco sull’icona Memo. Possiamo anche memorizzare queste note all’interno dell’app Samsung Note direttamente dal display Always ON.Note 7 AOD

Accesso rapido alle informazioni

La versatilità dovuta all’utilizzo della funzione Always On Display su Note 7 è dovuta al fatto di poter contare sull’accesso rapido alle informazioni del sistema e delle notifiche. Tra le funzioni di visualizzazione principali troviamo: data, ora e chiamate perse. Ovviamente, i piani di Samsung per la nuova funzione prevedono una futura espansione a livello software che consenta di massimizzare l’utilizzo del terminale in tal senso.

Oltretutto, è possibile controllare lo stato delle notifiche in modo alternativo al classico LED multicolor o analoghe soluzioni tramite launcher a schermo attivo e avere sempre a disposizione il calendario. Tanto per fare un esempio, è possibile ottenere le informazioni sui brani musicali in riproduzione.

La nuova funzione Direct Access (accesso diretto), ci consente tra l’altro di rispondere in modo agevolato alle notifiche facendo un doppio tap sul riferimento che lancia la relativa applicazione. Ciò permette la risposta rapida ai messaggi e all’editing degli eventi del calendario. Questo permette di risparmiare una notevole quantità di tempo.Galaxy Note 7 Always on Display

Personalizzazione

Oltre ad offrire un livello di interattività Premium, la Mode AOD permette di impostare alcune opzioni di personalizzazioni caratteristiche. Attraverso le Impostazioni, infatti, possiamo modificare la modalità di visualizzazione dell’orologio o inserire un wallpaper prelevandolo dalla Galleria o in rete. Lo stesso dicasi per il font del carattere ed il colore. Allo stesso modo si può pensare di inserire la propria firma personale.

Risparmio Energetico

Anche se la nuova modalità consente di visualizzare in chiaro tutte le informazioni necessarie ed interagire col terminale in modo intensivo, si rende necessaria una spesa di batteria pari ad appena l’1% per ora.

Grazie al display Super AMOLED del nostro Note 7, infatti, i pixel si spengono completamente consentendo di mantenere attiva la funzione con una spesa minima di energia. Inoltre, Samsung ha provveduto a minimizzare gli effetti del consumo sul display sulle componenti di maggior consumo come il driver di visualizzazione IC (DDI), l’AP (Application Processor) ed i vari sensori.

Per migliorare ulteriormente le prestazioni del DDI, Samsung ha creato due distinti processi di gestione energetica – la modalità normale e AOD – applicando l’algoritmo hardware Smart Power Saving, riducendo il consumo di energia anche quando il display è in modalità sleep.

Sensori di luce RGB ed accelerometro consentono poi di fare uno scanning delle condizioni ambientali al fine di verificare, in totale autonomia, se attivare o meno la modalità AOD. Se, ad esempio, il telefono si trova in borsa, l’Always on Display si spegne. Lo stesso dicasi nel caso in cui la percentuale di batteria Galaxy Note 7 scende al di sotto della soglia del 5% o quando attiviamo la modalità orologio notturno.

LEGGI ANCHE: Galaxy Note 7: prima impressione sul telefono Android migliore di sempre.

E voi come trovate la nuova funzione Always On Display per Galaxy Note 7? lasciateci pure tutte le vostre impressioni. Vi aspettiamo nel nostro sito con news ed approfondimenti sul mondo della tecnologia.

  • Mimmo

    1% ogni ora significa 24% di batteria al giorno… Non é poco…