One Plus 2: Risolvere la vulnerabilità Stagefright

Il nuovo One Plus 2, colma la nota e recente vulnerabilità stagefright attraverso il rilascio di un aggiornamento ufficiale via OTA che da un lato risolve tale lacuna e dall’altro apporta, in simbiosi con questo, alcune migliorie globali riguardo la gestione del sistema.

one Plus 22

A partire dalla giornata di ieri l’ormai noto produttore cinese, che ha reso celebre il suo nuovo One Plus 2, ha iniziato la distribuzione sui suoi server di un nuovo e cruciale aggiornamento over-the-air (OTA) che risolve il famoso e temibile bug stagefright. L’aggiornamento in questione, rilasciato per il suo nuovo One Plus 2, porta con se alcuni vantaggi che mirano non soltanto alla risoluzione della problematica andatasi a creare con la scoperta del nuovo bug stagefright che affligge tutti i dispositivi ma anche ad apportare delle significative migliorie in termini di ottimizzazione dell’autonomia generale dello smartphone in daily-use , della riparazione di alcuni bug minori sorti con la creazione stessa dell’interfaccia grafica utente (GUI) e il miglioramento di quest’ultima per quanto concerne l’accuratezza logica dell’interfaccia proprietaria.

Nel porre in essere tali considerazioni è doveroso specificare però che l’aggiornamento in questione si applica, almeno per il momento, alla sola versione internazionale del device e nello specifico quella versione che è dotata di interfaccia utente proprietaria Oxygen OS e non Hydrogen OS portando la stessa alla versione 2.0.1.

stagefright

La distribuzione dell’aggiornamento seguirà varie fasi . Nel caso in cui siate i fortunati possessori del nuovo dispositivo One Plus 2, non disperate. Infatti l’aggiornamento potrebbe richiedere l’impiego anche di qualche giorno per poter essere rilasciato proprio a causa di ciò.

Come ben ricordiamo per aggiudicarsi il celebre One Plus 2 occorre passare necessariamente per il sistema ad inviti. Sarà così possibile avere uno dei due modelli di smartphone resi disponibili nelle due versioni previste che, nel caso più interessante, prevede l’esborso di €399 a fronte di un dispositivo dalle caratteristiche hardware di tutto rispetto.

Restate collegati per ottenere maggiori informazioni.