Pixel XL vs Galaxy Note 7: scontro fra phablet Android

Dopo l’iPhone 7 Plus, il secondo concorrente diretto del nuovo Google Pixel XL è di certo il Samsung Galaxy Note 7, che esplosioni della batteria a parte, è uno dei dispositivi più performanti attualmente sul mercato e ha in comune con il nuovo smartphone del colosso di Mountain View il medesimo sistema operativo Android. Nel seguente articolo mettiamo a confronto il Pixel XL con il Galaxy Note 7 per valutare differenze e similitudini fra i due phablet Android.

Confronto Pixel XL e Galaxy Note 7

Design

Uno degli aspetti preferiti dagli utenti dei nuovi smartphone di Samsung è di certo il design. Il Galaxy S7, S7 Edge e il Note 7 sono tutti dispositivi realizzati con materiali premium con bordi curvi, dove  rivestimento completamente in vetro con rifiniture in metallo li rendono i device più belli che l’azienda di Seul abbia mai realizzato. Samsung ha anche aggiunto importanti migliorie ergonomiche al suo device che lo rendono molto confortevole all’uso.

Anche se è stato più volte affiancato all’iPhone 7, il nuovo Google Pixel XL assomiglia molto all’HTC A9, dal quale riprende solamente il design. Il design del Pixel XL è caratterizzato da bordi smussati e un metallo bicolore posteriore alternato con una copertura in vetro, caratteristica che ne assegna una certa eleganza, capace di competere con quello del Note 7.

note-7-design

Per quanto riguarda le funzionalità, una differenza sostanziale tra i due dispositivi è la posizione dello scanner per le impronte digitali, che nel Pixel XL risiede nella scocca posteriore. Invece, come negli iPhone, il sensore per le impronte digitali si trova all’interno del tasto Home nel Note 7. Entrambi i dispositivi utilizzano come sistema di connessione fisica una porta USB Type-C, che è situata sul profilo inferiore di ciascun smartphone. Il Note 7 ha in più scanner dell’iride, che fornisce un sistema più sicuro per sbloccare il device.

Display

In termini di display i due phablet Android sono sicuramente molto simili. Sia il Pixel XL sia il Note 7 presentano un rivestimento AMOLED che equivale ad un nero più vivo e ad una migliore efficienze energetica di quanto si potrebbe ottenere con uno schermo LCD. La differenza più grande, non così significativa, è la dimensione dei due schermi. Lo smartphone di Google monta un display da 5.5 pollici, mentre il device di Samsung offre uno schermo più grande da 5.7 pollici.

Tutti e due i telefoni hanno la medesime risoluzione QuadHD da 1440×2560 pixel, che si traduce in un piccolo vantaggio nella risoluzione per il Pixel XL, essendo leggermente più piccolo in dimensioni. Infatti, mentre il Note 7 presenta una densità di 518ppi, il phablet di Google ha una densità di 534ppi. Anche se sulla carta il Pixel XL è migliore del Note 7, nella pratica è molto difficile notare una differenza netta. L’unico modo per evidenziare una differenza e nell’uso del dispositivo con un visore VR.

pixel-xl-design

LEGGI ANCHE: Migliori smartphone fascia medio-alta, Galaxy S6, Huawei P9 Line a prezzo basso.

Hardware e prestazioni

Il Note 7 e il Pixel XL sono due tra gli smartphone più performanti sul mercato, essendo dotati di caratteristiche e specifiche di fascia alta. Non essendoci stata ancora nessuna prova di benchmark ufficiale del Pixel XL è difficile determinare l’effettiva performance di questo dispositivo, ma possiamo limitarci a citare la scheda tecnica del dispositivo.

Sotto la copertura in vetro e metallo, il Pixel XL monta un Qualcomm Snapdragon 821, chipset di ultima generazione che offre una spinta del 10% superiore alle prestazioni della precedente versione. Questo significa che il Pixel XL sarà in grado di eseguire Daydream VR, la nuova piattaforma virtuale di Google.

samsung-galaxy-note-7-display

Samsung ha invece implementato chip Exynos 8890 sul suo Note 7. Si tratta di un processore estremamente potente che ha raggiunto alcuni impressionanti punteggi di benchmark, offrendo un’esperienza utente fluida e senza problemi. Tuttavia, sulla carta questo processore non è potente come uno Snapdragon 821 e in questo, Google potrebbe avere un reale vantaggio.

Naturalmente, non è tutto riconducibile alla potenza di elaborazione. Infatti, l’inclusione di una RAM da 4 GB su entrambi i dispositivi garantisce prestazioni veloci per tutti e due. Per quanto riguarda la capacità di archiviazione, il Pixel XL è disponibile nelle varianti da 32 GB o 128 GB. Mentre, il Note 7 offre anche una versione da 64 GB, oltre ai 32 e 128 GB. Inoltre, il phablet di Samsung mette a disposizione anche uno slot per MicroSD, che non troviamo nel Pixel. Nello smartphone di Google manca anche la possibilità di interagire utilizzando uno stilo proprietario, che invece Samsung ha implementato nel suo Note 7, l’S Pen.

pixel-xl-display

Software

Arriviamo così alla parte più interessante di questa analisi preliminare tra i due phablet Android, sistema operativo che dà vita ad entrambi i dispositivi. Ma, mentre il Note 7 è dotato di Android 6.0.1 Marshmallow, almeno per ora il Pixel XL presenta già di fabbrica l’ultima versione del suo sistema operativo, Android 7.0 Nougat. Nougat è l’unico sistema operativo che può supportare la piattaforma Daydream VR.

Questa differenza durerà solo un breve periodo, fino a quando Android Nougat non sarà scaricabile anche sul Note 7. Di sicuro il vantaggio di possedere un Pixel sarà proprio quello di poter mettere mano alle nuove funzionalità di Android, prima degli altri utenti. Comunque vale la pena di tenere presente che i due phablet differiscono in modo significativo a causa delle personalizzazione dei sistemi operativi. Mentre il Pixel offre una versione pura di Android, Samsung ha creato una variante del sistema operativo di Google più personalizzato per i propri device.

android-nougat-7-0

Fotocamera

Samsung è riuscita a produrre la migliore fotocamera per smartphone mai realizzata. Dopo averla montata sui suoi Galaxy S7 e S7 Edge, la fotocamera da 12 megapixel con stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS) e apertura focale f / 1.7 stravolge il modo di fotografare con un telefono sul nuovo Note 7. Le foto appaiono ricche di dettagli, mentre i colori, pur sembrando vibranti, rimangono molto naturali. Troviamo supporto per video in 4K, mentre le riprese in 1080p consentono di utilizzare la funzione HDR.

Il Pixel XL si presenta con lo scopo di scalzare lo smartphone di Samsung dal suo trono e offre una fotocamera posteriore da 12.3 megapixel con una ridotta apertura focale f /2.0, che potrebbe assicurare al Note 7 di mantenere il titolo in condizioni di scarsa luminosità. Anche il dispositivo di Google offre supporto per video in 4K a 30 fps.

pixel-xl-sensore-impronte-digitiali

LEGGI ANCHE: Android Nougat 7.1, tante novità ma non per i Nexus

Sarà curioso vedere se il colosso di Mountain View sarà riuscito a battere la società sudcoreana nel comparto fotocamera, ma dovremo aspettare un confronto diretto tra i due device. Per quanto riguarda i selfie, sulla carta il Pixel XL offre una fotocamera frontale da 8 megapixel, nettamente superiore ai 5 megapixel messi a disposizione dal Note 7.

Batteria

Con il suo schermo leggermente più grande, il Note 7 trarrebbe beneficio da una cella energetica più grande, ma non è questo il caso. Sul phablet di Samsung troviamo, infatti, una batteria non rimovibile agli ioni di litio da 3500 mAh, che pur essendo più grande, non rappresenta un netto distacco dalla batteria agli ioni di litio da 3450 mAh del Pixel XL.

Dai test eseguiti fino ad oggi, il Note 7 ha una durata della batteria di tutto rispetto, che ha permesso di raggiungere la fine di una giornata di utilizzo medio con una carica residua del 25%. Resta da vedere se il Pixel XL sarà in grado di offrire prestazioni simili, soprattutto dopo l’aggiunta delle nuove funzioni avanzate di risparmio energetico di Android Nougat.

Il sistema di ricarica è lo stesso per entrambi i dispositivi, con l’unica differenza a favore del Note 7, che permette di ricaricare il dispositivo senza fili grazie alla funzionalità di ricarica wireless, funzione che non sarà invece presente sul Pixel.

android-ui

Prezzi

Il Samsung Galaxy Note 7 sarò disponibile all’acquisto forse alla fine di ottobre, con un prezzo a partire da 879 euro a partire dal modello base da 32 GB, nelle colorazioni Blue Coral, Silver Titanium e Black Onyx. Il Google Pixel XL sarà acquistabile non prima della fine dell’anno in corso, con prezzi di 899 euro per il modello da 32 GB e 1009 euro per la versione da 128 GB. Per il Pixel le colorazioni disponibili all’acquisto sono Very Silver, Quite Black e l’edizione limitata Really Blue.