Pokémon Go, perché giocarci alla guida non conviene più

La febbre da Pokémon Go non vuole saperne di calare. Il gioco per smartphone, mediante il quale occorre dare la caccia ai mostriciattoli della famosa serie anime sfruttando la cosiddetta ‘realtà aumentata’, sta coinvolgendo persone di tutte le età. E ci fa leggere sul web le storie più assurde ed incredibili. Ma giocare a Pokémon Go può mettere a rischio anche la vita degli altri, visto che in tanti hanno la cattiva abitudine di farlo mentre sono alla guida di un’auto. Infatti, ci sono già alcuni casi di incidenti d’auto provocati da Pokémon Go, come quello a Melbourne o a Baltimora registrati la settimana scorsa. Ma il pericolo riguarda anche i pedoni stessi, che attraversano la strada distratti senza guardare se arrivano auto. Eppure, giocare al mobile game mentre si è alla guida è diventato più sconveniente. Vediamo perché.

Pokémon Go, aggiornamento rende più difficile giocarci in velocità

Un recente aggiornamento di Pokémon Go ha infatti reso più difficile giocare in modo efficace mentre si è alla guida di un’auto. Esso comporta una riduzione della frequenza di aggiornamento della scansione del gioco, così come un ulteriore limite del raggio di scansione.

pokémon go

Ciò significa che, se qualcuno si muove in velocità, come ad esempio un automobilista, troverà più difficile individuare i mostriciattoli da catturare. Cosa che invece non accade a chi lo fa camminando. Che sia stato fatto apposta per dissuadere gli automobilisti patiti del gioco?

LEGGI ANCHE: Pokemon GO, la spiegazione di Niantic sul recente aggiornamento novità del 3 Agosto

Pokémon Go e la pioggia di multe

Ma c’è anche un altro pericolo: quello di beccarsi una multa. In Giappone, stando a quanto riferisce Tokyo Reporter, questa settimana sono state registrate più di 700 infrazioni. 727 per la precisione. Tra questi, quindici sono veri e propri incidenti, mentre una ventina hanno riguardato pure ciclisti. Pertanto, meglio evitare anche sul suolo italiano. Per non farsi beccare dalle autorità con uno smartphone in mano mentre si sta guidando.