Postepay: attenti alla nuova truffa della Carta Bloccata

Se sei proprietario di una carta Postepay, dovresti fare attenzione ad una nuova truffa online attiva ormai da qualche settimana e recentemente portatasi alla nostra attenzione dietro segnalazione di alcuni utenti che hanno ricevuto un messaggio che invita al click sul fatidico link truffa.

La nuova truffa Postepay ha interessato decine e decine di utenti nel corso di queste ultime settimane, che hanno visto un tentativo di phishing a scopo di estorsione, perpetrato mezzo link tramite un messaggio che invita gli interessati al click in merito alla verifica dei dati della carta prepagata.

Come di consueto, in questo caso, i primi ad intervenire prontamente sono stati i responsabili del servizio “Una vita da social” su Facebook, i quali hanno chiaramente espresso la loro opinione in merito al fatto di provvedere all’eliminazione diretta del messaggio, che potrebbe pervenire non soltanto mezzo SMS, ma anche via email o Whatsapp Messenger. In questi casi c’è una sola cosa da fare: cancellare il messaggio. 

Il testo informativo che si accompagna al sistema di adescamento tramite link riporta:

Per motivi di sicurezza, la tua carta di credito è stata bloccata. Esegui subito la verifica dei tuoi dati

Tale messaggio si accompagna ad uno short-link davvero pericoloso che ha lo scopo di rimandare l’utente ad un sito internet accuratamente predisposto per il furto dei dati deliberatamente forniti. La reazione alla concessione delle informazioni necessarie porterà ad un’unica conseguenza: un prelievo forzato di tutti i nostri risparmi.

Come regola generale, e come peraltro sancito dagli stessi responsabili, nessun Istituto di credito ti chiederà mai di inserire i tuoi dati online. Visto e considerato l’enorme diffusione dei servizi Poste Italiane sul territorio, così come i canali di messaggistica istantanea come Whatsapp, i criminali sono sempre più attivi verso questo genere di truffe.

Una vicenda che si affianca, nel contesto delle carte Postepay. anche ad una recente analoga vicenda che ha visto, nel corso di questa estate, l’illecito prelievo dei dati e dei soldi dai conti degli utenti interessati. Ci teniamo nuovamente a ribadirlo: Poste Italiane non manda comunicazioni al di fuori dell’area riservata ai clienti e non chiede online dati sensibili. 

Fate sempre attenzione a questo genere di messaggi ed utilizzate sempre un pizzico di diffidenza nei confronti di messaggi di dubbia provenienza, a maggiora ragione se riportano con se link e short-link di dubbia provenienza. Inoltre, non disdegnate di dare opportuna segnalazione alle autorità ed ai canali social competenti, in modo tale da stroncare sul nascere la diffusione di simili fenomeni.

LEGGI ANCHE: Come fare rinnovo Postepay scaduta o in scadenza