Qualcomm Snapdragon 820: i primi benchmark indicano una potenza simile all’Exynos 7420

Grazie ad un test Geekbench, siamo stati in grado di scoprire la potenza massima del Qualcomm Snapdragon 820 e di confrontarla con l'attuale concorrenza

Il 2015 di Qualcomm, per quanto riguarda il settore di fascia alta, è stato praticamente da dimenticare. Lo Snapdragon 810 infatti ha dato un problema dietro l’altro al produttore ed ai suoi clienti per via del surriscaldamento eccessivo | HTC One M9: Snapdragon 810 supera i 55 °C |GFXBench | che, fortunatamente, sembra essere stato risolto con la versione v2.1 | Qualcomm Snapdragon 810: confronto tecnico tra la v2 e la v2.1 |. Pensando a ciò, va da se che l’attesa per il Qualcomm Snapdragon 820 non è tanto per la sua potenza di calcolo, per le sue feature che apporterà o per la GPU integrata ma soprattutto per vedere se anche per questo nuovo modello occorreranno diversi mesi al fine di assestare per bene le sue caratteristiche.

Nelle scorse ore, grazie ad un test condotto da Qualcomm su GeekBench, siamo stati in grado di conoscere la potenza che è in grado di sviluppare il Qualcomm Snapdragon 820. Prima di proseguire però, è giusto sottolineare che molto probabilmente si tratta ancora di un esemplare di pre-produzione ed inoltre non sappiamo quali sono le caratteristiche del reference design su cui è stato provato.

Qualcomm Snapdragon 820 Geekbench

[quote_left]Al momento il Qualcomm Snapdragon 820 se la gioca con l’attuale concorrenza[/quote_left]

Appurato ciò, possiamo incominciare con l’analizzare i risultati ottenuti e soprattutto confrontarli con la concorrenza odierna, per vedere se effettivamente c’è stato un boost prestazionale evidente o meno. Come potete vedere dalla scheda qui in alto, il Qualcomm Snapdragon 820 ha totalizzato 1732 punti nei test in single core e 4970 punti nei test in multi core. Si tratta di risultati molto elevati, senza dubbio, ma per quanto riguarda il multi core ci saremmo aspettati di più. Eh si, perchè il Samsung Exynos 7420 (il SoC che equipaggia i top di gamma Samsung Galaxy S6 e Samsung Galaxy S6 edge), nello stesso test, ha totalizzato 5284 punti. Nei test in single core, come dicevamo, al momento non c’è partita, dato che il SoC di Samsung ha realizzato un punteggio di 1486.

Ma come se la cava il Qualcomm Snapdragon 820 rispetto al suo predecessore, ovvero l’attuale top di gamma Qualcomm Snapdragon 810? Bè, i miglioramenti ci sono, anche se in questo caso ci saremmo aspettati decisamente di più. Lo Snapdragon 810 infatti riesce a generare una potenza tale da raggiungere 1227 punti nel test in single score (calcolato tenendo presente l’hardware dello Xiaomi Mi Note Pro) e 4424 punti nei test in multi core.

A voi come sembra questo nuovo SoC? Tralasciando i potenziali problemi di surriscaldamento che derivano più dal pensiero degli utenti che dall’effettiva architettura del SoC, vi sembra che le migliorie in termini di performance siano sufficienti oppure credete che la concorrenza, quando presenterà la loro next-gen di SoC, riuscirà a fare meglio? Discutiamone insieme qui sotto nello spazio riservato ai commenti oppure tramite i social.