Samsung Cloud Android – Come usarlo su Galaxy Note 7

Samsung Cloud è un servizio introdotto contestualmente alla presentazione del nuovo device delle linea business-phone, Samsung Galaxy Note 7. Non è da considerarsi un vero e proprio cloud-service sulla riga di Dropbox e Google Drive ma, piuttosto, come un nuovo sistema da utilizzarsi per tenere al sicuro i dati più importanti dello smartphone, operando un semplice backup.

Una soluzione integrata che consente di utilizzare il supporto diretto senza ricorrere a soluzioni di terze parti su Android. Il processo, in tal caso, è semplice ed immediato. Ne daremo un ragguaglio qui di seguito.

Samsung Cloud Galaxy Note 7

Sicuramente avrete utilizzato il servizio di Google per il backup dei vostri dati. La frustrazione che ne deriva si traduce nell’impossibilità di poter ripristinare dati ed impostazioni di applicazioni in cui gli sviluppatori non hanno l’integrazione. L’esperienza d’uso, in tal caso, si riduce ai minimi termini e porta ad operare scelte di terze parti attingendo dalle app presenti sul PlayStore.

Con Samsung Cloud, invece, avremo il backup di tutte le applicazioni al pari di iCloud e senza la necessità, quindi, di alcun lavoro di integrazione da parte dello sviluppatore. Ad ogni modo è sempre utile adoperare il servizio di Backup&Restore di Google per mantenere ed aggiornare i contatti ed il calendario su tutti i dispositivi.

Samsung Cloud – Come si usa?

Per utilizzare Samsung Cloud Note 7 non devi far altro che andare su Impostazioni Telefono e cercare Cloud ed Account > Samsung Cloud.

Qui troverai le statistiche di backup ed il residuo sullo spazio utilizzato con vari slider che si rendono utili per selezionare le app di cui effettuare il salvataggio dati in remoto su server. Un server che offre, per ogni account, un quantitativo di spazio gratuito pari a 15GB. Al momento non sappiamo che cosa possa succedere al superamento delle soglie, visto che Samsung non ha fornito alcuna spiegazione in merito.samsung Cloud Note 7

In base alle Impostazioni Principali della pagina iniziale, potremmo eseguire il backup di:

  • Contatti (solo account Samsung)
  • Calendario (solo account Samsung)
  • Samsung Note
  • Internet (browser di Samsung)
  • Dati della tastiera
  • Galleria

Samsung Cloud backupA tale livello il servizio sarebbe quanto meno limitato ed è per questo che la software house sudcoreana ha implementato ulteriori livelli che permettono di accedere al Backup Dati Samsung Cloud per:

  • Registri delle chiamate telefoniche
  • Impostazioni dell’orologio (allarmi)
  • Home page layout dello schermo, sfondi, widget
  • Apps. Completo di APK, dati delle applicazioni e impostazioni di app
  • Impostazioni del dispositivo (Wi-Fi, suonerie, etc.)
  • Messaggi
  • Musica
  • Documenti

Per ogni sezione possiamo o meno abilitarne il salvataggio tramite apposito switch digitale. Il processo di salvataggio è automatico (ogni 24 ore) oppure possiamo forzare manualmente il backup toccando Esegui backup adesso nella parte inferiore dello schermo. In ogni caso, il device, provvederà a salvare i dati nel momento in cui, a caricabatterie collegato, lo schermo risulti spento per almeno 10 minuti.

Ripristinare smartphone con Samsung Cloud

A differenza di altri servizi di backup, Samsung Cloud Android consente di ripristinare alcuni aspetti del dispositivo in qualsiasi momento. Per testare il processo di ripristino, abbiamo creato un backup della Home e delle applicazioni installate, quindi eliminato alcune icone delle applicazioni e applicazioni installate per testare il reale funzionamento della modalità ripristino.Samsung Cloud Ripristino

Da Impostazioni > Cloud e Account > Samsung Cloud > Ripristina abbiamo quindi selezionato il ripristino per la sola Home e le applicazioni installate. Avviamo il processo ed attendiamo che la procedura venga conclusa con successo.
Il ripristino ha funzionato alla perfezione. Icone, applicazioni e relative impostazioni si sono ripresentate tali e quali.

LEGGI ANCHE: Galaxy Note 7 avrà anche nuovo Samsung Cloud, i particolari.

La funzione, come si è potuto intuire, è davvero molto comoda ed evita di dover installare e reinstallare applicazioni nuovamente dopo un reset che implica, tra le altre cose, anche l’impostazione dei settaggi per ogni singolo prodotto.