Samsung Galaxy Note 7: esplosioni in Cina non sarebbero causate dalla batteria

Samsung Electronics Co. ha cercato di prendere le distanze dalle notizie fresche di combustioni di Galaxy Note 7 in Cina che sarebbero arrivate nelle ultime ore, dicendo che per almeno un caso, si ritiene che il fuoco abbia avuto inizio al di fuori del telefono. Resta da vedere se il danno al marchio di Samsung tra i consumatori cinesi sarà duraturo. In seguito a queste voci infatti i dispositivi sono stati ritirati dagli scaffali Lunedì e gli acquirenti hanno chiesto i rimborsi dopo le foto di dispositivi carbonizzati divenute virali in Cina durante il fine settimana. Alcuni consumatori cinesi erano già infastiditi dal fatto che il loro  paese non è stato incluso nel richiamo di Samsung di 2,5 milioni di Galaxy Note 7.

Samsung spedisce al mittente le accuse

Cosa che invece si è verificata in 10 altri paesi a causa del surriscaldamento della batteria, anche se Samsung ha detto che i telefoni venduti in Cina non sarebbero difettosi e per questo ha deciso di non ritirarli. Gli acquirenti in Cina sono sensibili al trattamento di seconda classe percepito, soprattutto dopo una polemica scoppiata con Apple  dopo che è stato scoperto che le condizioni di garanzia in Cina erano meno vantaggiose di quelle in America. Due segnalazioni di combustioni di Note 7 Sabato e Domenica, hanno aggiunto pepe alle polemiche. I proprietari del telefono hanno postato le foto on-line dei loro dispositivi anneriti e hanno detto che i loro smartphone sono bruciati durante il normale utilizzo.”I risultati del test mostrano che il danno al dispositivo è stato causato da riscaldamento esterno”, ha detto Samsung in Cina in un comunicato.

La causa delle esplosioni sarebbe esterna

Amperex Technology Ltd., fornitore di batterie  per il Galaxy Note 7 nei  telefoni venduti in Cina, ha detto Lunedì che i test condotti in collaborazione con Samsung su uno dei dispositivi bruciati hanno dimostrato che le sue batterie non è stata  la causa del fuoco.”Sulla base delle bruciature, abbiamo dedotto che la fonte del calore è venuto da fuori la batteria stessa”, ha detto Amperex in una dichiarazione separata. “Vi è una grande probabilità che altri fattori esterni sono stati la causa del problema di riscaldamento.”Samsung ha riconosciuto che le batterie difettose sono state la causa per i casi di combustione al di fuori della Cina.

Leggi anche: iPhone 7 possiede il miglior display mai realizzato da Apple

galaxy note 7

Ma i consumatori in Cina si sentono discriminati

Nel richiamo globale, la maggior parte delle batterie problematiche provenivano proprio dal’azienda affiliata di Samsung, Samsung SDI Co. Mentre i Galaxy Note 7 venduti in Cina hanno batterie  di diversa provenienza. Il Wall Street Journal ha riportato, che le batterie sono state fornite da un altro produttore, Samsung  dunque è andata avanti con il lancio in Cina il 1 settembre. Ma la scorsa settimana, ha ricordato che un piccolo lotto di dispositivi di test venduti prima del lancio ufficiale in Cina dovrebbero presentare lo stesso problema. Non è chiaro se l’affermazione di Samsung sarà sufficiente a placare i consumatori in Cina, che è stato uno dei mercati più difficili della società a causa del rafforzamento dei rivali cinesi.

Leggi anche: Note 7 Vs iPhone 7, chi è più veloce? Lo rivela il test in questo video

Samsung Galaxy Note 7

Ovviamente le indiscrezioni sugli incendi di questo week end in Cina di due Samsung Galaxy Note 7 hanno molto allarmato clienti e rivenditori. Addirittura qualche operatore ha deciso per sicurezza di interrompere le vendite. Anche JD.com che inizialmente è stata indicata come la società ad aver venduto i due smartphone esplosi ha interrotto le vendite, salvo riprenderle non appena il caso è stato chiarito.

JD.com è stato inondato di richieste di rimborso per il Galaxy Note 7, Lunedì, secondo i messaggi on-line che i proprietari del telefono hanno lasciato allarmati dalla situazione. Molti consumatori hanno superato il periodo di rimborso di 7 giorni, ma nonostante ciò hanno cercato di restituirli.I due dispositivi esplosi sono stati acquistati dopo il lancio ufficiale di Samsung in Cina il 1 ° settembre, a differenza delle unità di prevendita a cui Samsung  ha fatto riferimento in precedenza tra le uniche unità a rischio in Cina. 

Leggi anche: Note 7 batteria: Samsung update software limita la carica