Samsung Galaxy S6 Edge+ e Note 5 utilizzano un sensore ISOCELL per la fotocamera

Come i lettori più attenti ricorderanno, nei mesi scorsi era emersa un’interessante caratteristica relativa al sensore utilizzato da Samsung per la fotocamera posteriore del Galaxy S6 e del Galaxy S6 Edge con alcune unità dotate di un sensore Sony IMX240 ed altre dotate di sensore ISOCELL prodotto direttamente dall’azienda coreana.

Samsung Galaxy S6 Edge+ e Note 5, problemi nella gestione della RAM

Nelle ultime ore, sono emerse nuove informazioni in merito al sensore della fotocamera posteriore del Samsung Galaxy S6 Edge+ e del Samsung Galaxy Note 5. Per i due nuovi phablet top di gamma, che condividono gran parte del comparto tecnico con i già citati S6 e S6 Edge, Samsung ha utilizzato un sensore ISOCELL abbandonando, quindi, il sensore di Sony che era stato utilizzato per un gran numero di esemplari di S6 e S6 Edge. Per ora, è bene sottolineare, Samsung non ha commentato in alcun modo la notizia evitando, quindi, di chiarire uno degli aspetti fondamentali della questione. I sensori ISOCELL, infatti, potrebbero essere utilizzati soltanto sui primi lotti di produzione dei nuovi S6 Edge+ e Note 5 e Samsung, in caso di problemi di produzione, potrebbe ricorrere nuovamente ai sensori prodotti  da Sony per realizzare ulteriori unità dei suoi phablet.

Samsung Galaxy S6 Edge+, prime informazioni sul prezzo in Italia

In ogni caso è importante evidenziare l’impegno di Samsung nello sviluppo di soluzioni ISOCELL di fascia alta da utilizzare su device top di gamma. L’azienda coreana, anche nei prossimi mesi, potrebbe continuare ad investire in questa sua divisione e, cosi come avvenuto con i SoC Exynos richiesti dalla cinese Meizu, iniziare a fornire sensori anche ad altre aziende impegnate nel settore della telefonia mobile. Per valutare le performance fotografiche dei nuovi Samsung Galaxy S6 Edge+ e Note 5 sarà, in ogni caso, necessario attendere ancora qualche settimane con l’inizio della piena commercializzazione dei due phablet sul mercato internazionale. Per ora, quindi, non possiamo che restare in attesa dell’arrivo di nuovi dettagli in merito a quanto emerso in queste ultime ore sul sensore utilizzato da Samsung per i nuovi Samsung Galaxy S6 Edge+ e Note 5, i due nuovi phablet top di gamma destinati a conquistare, rapidamente, il mercato internazionale. Ricordiamo che, almeno sino a fine 2015, il nuovo Galaxy Note 5 non arriverà in Europa.