Samsung Galaxy View, confermato il display da 18.6 pollici FullHD

Il nuovo Samsung Galaxy View, maxi tablet con sistema operativo Android della casa costruttrice coreana, ha appena ricevuto la certificazione dall’ente americano FCC che ci permette di avere ulteriori dettagli sulle specifiche tecniche di questo insolito e caratteristico dispositivo. Il nuovo Samsung Galaxy View certificato si caratterizza per la sigla SM-T677A, con la letta finale A che si riferisce all’operatore di telefonia americano AT&T. I dati di certificazione del dispositivo sono accompagnati anche dall’immagine seguente.

Galaxy-View-FCC-1

Stando a quanto emerso in queste ore, il nuovo Samsung Galaxy View presenterà un display da ben 18.6 pollici di diagonale con dimensioni della scocca pari a 447 x 272 millimetri. L’aspetto probabilmente più interessante del comparto hardware del nuovo maxi tablet di casa Samsung è legato alla risoluzione del display che dovrebbe essere FullHD e, quindi, inferiore alla risoluzione QHD che caratterizza gli attuali smartphone top di gamma della casa coreana che, chiaramente, presentano un display decisamente più compatto rispetto al futuro Galaxy View.

Il nuovo tablet di Samsung si presenterà sul mercato, a tutti gli effetti, come un prodotto di fascia media dalle dimensioni completamente fuori dal normale. Come evidenziato dal benchmark registrato da GeekBench, il nuovo Galaxy View potrà contare su di un SoC Exynos 7 dotato di CPU Octa-Core con clock di 1.6 GHz, una GPU Mali-T720 e 2 GB di memoria RAM mentre la memoria interna per l’archiviazione dei dati sarà pari a 32 GB con un apposito slot per microSD per l’espansione. Il nuovo device della casa coreana presenterà il sistema operativo Android 5.1.1 Lollipop con una buona possibilità di ricevere, in futuro, l’aggiornamento al nuovo Android 6.0 Marshmallow. Il nuovo tablet di casa Samsung dovrebbe essere svelato in via ufficiale nel corso delle prossime settimane, probabilmente già ad ottobre. Per ora il suo debutto sul mercato è praticamente confermato negli USA. Ancora da valutare un arrivo in Europa del device che, di certo, farà parlare di sé nel corso dei prossimi giorni.