Samsung Gear VR contro Google Daydream: realtà virtuale a confronto

La giornata di ieri è stata davvero importante per tutti i fan Google, in quanto si è aperto ufficialmente il Google I/O e sono state svelate le nuove strategia di Google per il futuro. Tra le tante anticipazioni, si è svolto il keynote riguardante la realtà virtuale.

Infatti, Big G ha svelato la nuova piattaforma VR, ovvero il Google Daydream.  Dopo il successo del Cardboard, la nota casa di Mountain view è pronta a stupirci con la  nuova piattaforma studiata appositamente per Android N.

Ad oggi, il mercato della realtà virtuale sta prendendo piede rapidamente e il numero di visori, gadget e app per questa tecnologia sta crescendo a dismisura. Uno dei più importanti dispositivi presenti sul mercato è il Gear VR della Samsung. Vediamo dunque un confronto tra le due piattaforme.

daydream

Google Daydream o Samsung Gear VR: quali sono le differenze?

Prima di iniziare a scendere più nel dettaglio è opportuno ricordare che a differenza del Gear VR, Il daydream di Google non è un semplice visore ma una piattaforma di realtà virtuale. L’apparato tecnico, ovvero i visori, saranno realizzati dai partner di Big G.

Per quanto riguarda il punto di vista hardware, Google non ha svelato nulla se non una collaborazione nella costruzione con le maggiori case produttrici per la creazioni di componenti compatibili con la tecnologia Daydream.

Tuttavia, Una sostanziale differenza hardware tra i due dispositivi è già nota. Il Daydream, infatti sarebbe dotato di un piccolo telecomando associato al visore che permette di muoversi all’interno della realtà virtuale.

daydream visore

Invece, sul piano della visualizzazione dei contenuti entrambi i dispositivi utilizzeranno gli smartphone come dispositivo di visualizzazione principale. Il telefono dunque va inserito all’interno del visore, un po’ come accadeva già con il Cardboard.

Per quanto riguarda invece il Software è già possibile fare i primi confronti. Google, da questo punto di vista sta collaborando con diverse aziende leader nella produzione di contenuti. Sul piano dei contenuti multimediali i partner del Daydream sono : il New York Times, il  Wall Street Journal, Hulu, Netflix, HBO, IMAX, USA Today, CNN, MLB, NBA e Lionsgate. Invece, sul piano gioco troviamo Ubisoft, PCC, Netease, Electronic Arts. Ma c’è una collaborazione anche con la stessa Samsung, HTC, Huawei, LG, ZTE, ASUS, Alcatel e Xiaomi.

daydream hub

Entrambi i dispositivi sono dotati di un menù iniziale che permette agli utenti di muoversi tra i contenuti e di selezionare gli oggetti da visualizzare.

Purtroppo, ad oggi oltre a questo piccolo confronto non si può dire molto di più e per fare un confronto più dettagliato occorrerà aspettare il lancio ufficiale da parte di Google.

E voi quale dei due dispositivi preferite? Scegliereste il già noto Samsung Gear VR o la nuova piattaforma Daydream? fatecelo sapere qui sotto con i vostri commenti.