Samsung brevetta Gear Vr che seguono sguardo e riproducono volto utente: ecco come

La realtà virtuale è ormai da un po’ il nuovo terreno di scontro su cui i colossi della telefonia si stanno dando battaglia. In sé, la realtà virtuale non è una novità. Dopo qualche decennio di silenzio, è tornata in auge negli anni ’90. Ed oggi ha assunto un ruolo attivo nei dispositivi mobili. Samsung, come noto, produce i visori Gear Vr. E un nuovo brevetto promette incredibili novità che rivoluzioneranno questa tecnologia. I nuovi Gear Vr brevettati da Samsung saranno in grado di riprodurre il viso di chi li indossa. Seguire lo sguardo. E tanto altro ancora. Vediamolo di seguito.

I nuovi incredibili Gear Vr brevettati da Samsung

Il brevetto è stato depositato lo scorso maggio ma è stato reso noto solo adesso grazie a un documento in Pdf dal titolo Processing for Head Mounted Display Devices. Nel documento vi è la descrizione di cosa i Samsung Gear Vr saranno in grado di fare. Saranno dotati di una fotocamera esterna e di cuffie con tecnologia LED. I Gear Vr di Samsung saranno dotati di una serie di sensori, anche in grado di seguire alla perfezione i movimenti oculari di chi li indossa.

gear vr samsung

Trasmettitori infrarossi e telecamere utilizzate saranno in grado di formare un’immagine del volto molto realistica di chi lo indossa. Così che il volto dell’utente sarà molto più realistico nella realtà virtuale in cui sarà proiettato. Da una conference call a un videogioco.

gear vr samsung brevetto

Quando potrebbero essere disponibili i nuovi Gear VR di Samsung

Proprio su quest’ultimo punto che Samsung si gioca molto con questi nuovi occhiali Gear VR brevettati. Ossia, il loro utilizzo in più campi. Dal professionale al ludico. Come sempre però accade quando si parla di brevetti, non è facile capire quando saranno concretamente prodotti.

samsung gear vr riproducono volto

Alcuni ritengono che potrebbero uscire proprio in concomitanza con il Galaxy S8. Inoltre, c’è la telecamera registrata con il codice SM-R210 che potrebbe essere utilizzata proprio per i Gear VR. E questo lascia intendere che la loro commercializzazione è più vicina di quanto si pensi.