Samsung il brevetto dello smartphone che diventa Notebook

Di recente è stata resa nota una richiesta di brevetto da parte di Samsung relativa ad un nuovissimo dispositivo ibrido con doppio sistema operativo. Scopriamone il funzionamento: un Samsung Galaxy Note in modalità smartphone eseguirebbe naturalmente il sistema operativo Android. Quando lo smartphone Note è inserito all’interno di un involucro come quello di un notebook, passerà automaticamente ad un sistema operativo Windows, come ad esempio Windows 10. Questo potrebbe segnare una nuova grossa mossa nel settore aziendale in cui Apple sta dominando.

Una mossa del genere da parte di Samsung può rappresentare uno sviluppo interessante. Potrebbe essere visto come un tentativo di sfida agli iPhone e iPad di Apple in quel tipo di aziende in cui la nuova strategia di Apple ed IBM MobileFirst regna sovrana. Come potrebbero andare le cose con un solo dispositivo ibrido?

SamMobile, prima dell’uscita del Galaxy S6, ha fatto notare che il nuovo smartphone sarebbe stato rilasciato con installate applicazioni come Microsoft OneNote, OneDrive, Office Mobile (con una sottoscrizione gratuita di Office 365) e Skype. Ma prima di quella volta, Microsoft ha cominciato a promuovere le loro nuove strategie: Mobile-First Cloud-First Computing.

Mobile-First suona come un già sentito. Ovviamente Samsung e Microsoft vogliono offuscare le linee con un approccio simile a quello assunto da Apple e IBM eppure, collaborando su questa strategia con questo nuovo dispositivo ibrido di Samsung,  potrebbe essere solo l’inizio di una nuova interessante guerra tecnologica.

Samsung e Microsoft

Quindi con Samsung in collaborazione con Microsoft per quanto riguarda le applicazioni ed eventualmente piattaforme Mobile-First e Cloud-First che rispecchiano quello che stanno offrendo Apple ed IBM, cominciamo a vedere emergere un nuovo modello. A rafforzare la loro piattaforma Knox, Samsung come riferito, ha lavorato con BlackBerry che è conosciuta per la propria sicurezza di classe aziendale. Dunque la nuova strategia di Samsung è rimasta in cantiere per un po’ tempo.

iOS di Apple al momento nel settore aziendale ha un ruolo guida. Secondo un nuovo rapporto di Good Technology, iOS di Apple domina ancora questo mercato con un ampio margine con le attivazioni di iPad all’81%. Sul fronte smartphone invece a dominare sono iPhone e la linea degli smartphone Galaxy.

Samsung Dual Os Brevetto

Dunque questo è quello che rende interessante la nuova invenzione di Samsung, un modo per arginare il successo di iPad e del MacBook Air.

In un certo senso, combinando lo smartphone Galaxy oppure il phablet Note con una custodia notebook, Samsung ha creato uno strumento che potrebbe interessare il settore aziendale, in quanto su questo futuro smartphone girerebbero sia Android che Windows.

La maggior parte delle aziende hanno familiarità con la piattaforma Windows e le applicazioni Office, ora, con l’arrivo della piattaforma Mobile-First / Cloud-First con incluso l’ hardware di Samsung potrebbe essere il punto di forza vincente.

Questo nuovo ibrido smartphone-notebook potrebbe consentire al notebook di poter accedere ad internet senza la necessità di una connessione WiFi o di una internet key mobile. Il notebook potrebbe avere anche la possibilità di ricaricare lo smartphone. Così, per i dirigenti impegnati o gli studenti in movimento, questo nuovo dispositivo ibrido sarà molto interessante.

Vediamo le caratteristiche di questo brevetto:

le figure 1 e 2 del brevetto di Samsung sono rappresentazioni illustrative di un docking system #1000. Nella figura 1 del brevetto possiamo vedere un phablet ed un’area di connessione separati una dall’altra; nella figura 2 possiamo invece vedere che il phablet invece è stato montanto nell’apposita area.

Samsung Dual Os Brevetto

Nelle figure del brevetto sotto vediamo il display “principale” del notebook #300c e, sotto di essa, vediamo due possibili situazioni che il phablet potrebbe presentare. Nella prima situazione, registrata come #400c, vediamo sullo schermo che il sistema operativo Windows è in esecuzione essendo esteso sul display del notebook principale. Il phablet potrebbe anche avere attiva in contemporanea una sessione di Android.

Nella situazione indicata di seguito come #400d, il phablet viene raffigurato in madalità touchpad del notebook. Samsung afferma infatti chiaramente:”L’interfaccia utente dimostra che il touch screen funziona come un touch pad.

Samsung Dual Os

Il punto in cui il progetto si fa interessante è quando Samsung descrive un nuovo tipo di dispositivo, un nuovo tipo di notebook, in cui la CPU e gli altri componenti del phablet sono in realtà il cuore che stà dietro a questo notebook. Questo è un aspetto interessante in quanto in figura 300c vediamo, nella colonna di sinistra, l’icona del browser Internet Explorer. Quindi, almeno in questa configurazione, il phablet è in modalità Windows, e non Android. Ma il brevetto mette in chiaro questa visuale in questo modo: “Qui, il primo sistema operativo potrebbe essere Android, e il secondo sistema operativo potrebbe essere Windows“. Si fa notare inoltre che “possono essere installati anche altri sistemi operativi“, il che lascia la porta aperta almeno per il sistema operativo open source Tizen.

[quote_left]Samsung dà un’ulteriore descrizione:[/quote_left]”Lo spazio di archiviazione può registrare un programma per azionare il phablet” (apparecchiatura elettronica 100). “In particolare, lo spazio di archiviazione può memorizzare un programma che raggruppa una serie comandi necessari per azionare il phablet. Qui, il programma include non solo un programma applicativo per fornire un servizio specifico, ma anche un programma di funzionamento per azionare un programma applicativo. Qui, il programma operativo può includere il primo ed il secondo sistema operativo. In particolare, il primo sistema operativo può essere un Android che viene azionato in uno smartphone o altro tipo di dispositivo, e il secondo potrebbe essere un sistema operativo Windows, che viene azionato in un notebook, un PC desktop, etc.”.

Il controller del sistema può determinare lo stato di funzionamento del phablet in modo da farlo funzionare in modalità notebook PC e, se l’utente desidera, visualizzare solo due immagini. Il controller può determinare anche lo stato operativo del dispositivo e farlo funzionare come un doppio schermo.

Nel corso del deposito del brevetto, è stato notato che “se un apparato di connessione (#200) non è collegato, il bios può procedere con l’avvio tramite il primo sistema operativo (Android), se invece è collegato allora il bios procede con l’avvio con il secondo sistema operativo (Windows).

Quello che non viene descritto in nessun dettaglio, è che cosa possa disporre il contenitore di questo notebook ibrido. E’ dotato di una potente batteria? Di che tipo di porte dispone? Sono informazioni ancora sconosciute. Samsung, però, fa notare che il notebook non avendo componenti come CPU e HDD sarà “più leggero e sottile“. Ovviamente l’idea è di sfidare il mercato dell’iPad in un modo nuovo e innovativo.

Riuscirà questo nuovo dispositivo ibrido pensato da Samsung equipaggiato con software e soluzione cloud di Microsoft dare del filo da torcere alla strategia Mobile-First di Apple? Soltanto il tempo ce lo dirà.

Samsung ha presentato la domanda di brevetto nel terzo quadrimestre del 2014. Considerato che si tratta di una richiesta di brevetto, i tempi per la messa sul mercato di un tale prodotto sono sconosciuti.