Samsung investe $24 miliardi per la produzione di display e semiconduttori

Samsung Electronics è una società che guarda avanti, nonostante la recente vicenda Note 7 che, di certo, non ha contribuito ad un avvicinamento del pubblico che, nonostante ciò, potrà beneficiare di alcune innovazioni che la società intende portare avanti nel progresso dei nuovi sistemi di visualizzazione e nel comparto di realizzazione dei semiconduttori.

In tempi piuttosto recenti, infatti, Samsung Semiconductors ha annunciato di aver avviato un piano di investimenti record per un ammontare totale di ben ₩ 27.000.000.000.000 (circa $24 miliardi di dollari) in quelli che sono i comparti aziendali inerenti i nuovi impianti di produzione da indirizzare in maniera esplicita ai sistemi di visualizzazione ed alle memorie.

Di particolare riguardo, in quest’ottica, lo studio da condurre a favore dell’aggiornamento delle attuali soluzioni display-out da realizzarsi mediante l’introduzione progressiva dei nuovi pannelli OLED flessibili e per le prossime soluzioni di memoria basate su tecnologia V-NAND. Il piano di investimenti, in tal caso, è stato equamente suddiviso sull’intera linea di produzione prevista per i comparti chip memoria e display.

samsung investimenti

La notizia, giunge a breve distanza da quella rilasciata in merito al nuovo fatturato del terzo trimestre ridotto del 29,7% rispetto ad un anno fa ma, comunque, sempre in positivo in relazione alle stime del periodo sul piano vendite internazionale, nonostante il flop avuto con Samsung Galaxy Note 7 e la decisione di procedere ad un massivo ritiro delle unità dal mercato di vendita.

LEGGI ANCHE: Samsung: nonostante il disastro Note 7 domina ancora il mercato