, ,

Samsung punta a produrre i SoC dei futuri iPhone dal 2018

La casa coreana fornirà anche i display OLED

Il legame tra Samsung ed Apple nel corso dei prossimi anni potrebbe diventare sempre più stretto. L’azienda coreana, secondo nuovi report in arrivo dalla Corea del Sud, ha intenzione di diventare il principale fornitore di componenti dei futuri iPhone di Apple.

Dopo aver concluso un importante accordo per la fornitura di display OLED per il nuovo iPhone 8 ed i futuri iPhone top di gamma, Samsung è interessata anche alla produzione dei nuovi SoC degli smartphone di Apple, business attualmente sotto il controllo di TSMC che realizzerà il nuovo A11 con processo produttivo a 10 nm.

Samsung avrebbe avviato investimenti supplementari per migliorare ulteriormente le linee di produzione a 10 nm e, nel prossimo futuro, darà il via alle strutture produttive che sfrutteranno il nuovo processo a 7 nm che entrerà in attività nel corso del prossimo ano. La casa coreana dovrebbe avere, in questo nuovo settore, un leggero vantaggio rispetto a TSMC che potrebbe convincere Apple ad assegnare la realizzazione dei nuovi A12.

Il SoC A12 verrà presentato sugli iPhone di fine 2018 ma la sua progettazione e successiva produzione inizierà già nella prima parte del prossimo anno. Ricordiamo che Samsung non produce più SoC per Apple da alcuni anni dopo aver fornito i SoC per gli iPhone 6 che, secondo svariati test, hanno dimostrato di essere energeticamente meno efficienti rispetto alla controparte realizzata dalla rivale TSMC.

Leggi anche: iPhone 8 avrà un display curvo, ma non è come vi immaginate

In ogni caso, l’obiettivo di Samsung è di stringere un legame sempre più forte con Apple. La casa di Cupertino, secondo le previsioni di questi mesi, grazie al progetto iPhone 8 dovrebbe registrare un nuovo passo in avanti in termini di unità vendute. Diventare il principale fornitore di Apple oltre che per i display e le memorie anche per i SoC garantire a Samsung risultati finanziari straordinari nel corso dei prossimi anni. Ulteriori dettagli in merito a questa situazione dovrebbero emergere nel corso delle prossime settimane.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…