Samsung da record: cosa significa per Note 7 e Galaxy S8

Samsung da record, ancora una volta. Mentre gli utenti attendono con trepidazione il galaxy Note 7 il 2 agosto e il Galaxy S8 con un probabile annuncio a febbraio, secondo una ricerca stilata dall’istituto di ricerca IHS Samsung ha superato i concorrenti che operano nel campo dei semiconduttori e produzioni di chip.

Insomma Samsung ha venduto di più durante il primo trimestre di quest’anno. Si parla di un fatturato record di ben 613 milioni di dollari: la fonderia del colosso sud coreano è riuscita a superare di ben tre volte Micron, che ha ottenuto un fatturato di 198 milioni di dollari nello stesso periodo.

LEGGI ANCHE: Valanga di foto per Samsung Galaxy Note 7 mostrano una sorpresa mai vista

Samsung

Note 7 e Samsung Galaxy S8 nella strategie di Samsung

Nel settore dei semiconduttori ci sono tre modelli di business: nel primo si progetta, produce e commercializza circuiti ed è più complesso da realizzare; il secondo progetta i chip senza il possesso di alcun impianto di produzione; il terzo non realizza i chip a livello progettuale ma ha la fonderia. Samsung trasforma il chip dal design al prodotto finito, quindi fa parte del terzo modello. E da qui partono milioni di chip che andranno nei nostri smartphone, tablet e non solo.

I chip Exynos degli attuali S7 e sicuramente dei futuri Galaxy S8 partono da qui: una buona notizia per i fan Samsung, il giro d’affari va sempre meglio. Questo vuol dire che la casa sud coreana continuerà a produrre i suoi top gamma dato che il giro d’affari va a gonfie vele, oltre a fornire chip per altri produttori come Xiaomi.