Samsung spiega come ha realizzato un tempo di risposta di 1ms su Monitor CFG70

Samsung Display rispecchia una delle divisioni Hi-Tech più in vista dell’intero comparto tecnico made in South Korea. Nel corso di questi ultimi mesi, abbiamo avuto modo di introdurre l’ultimo ritrovato delle tecnologie di visualizzazione all’avanguardia su display curvo, il tanto acclamato Samsung CFG70.

Samsung CFG70 non è soltanto un monitor curvo pensato appositamente al fine di garantire un’esperienza di gioco senza precedenti, ma è stato pensato come l’hub di riferimento e sperimentazione degli ultimi ritrovati tecnici del comparto visual display. Di fatto, si tratta di un prodotto unico nella sua categoria, ampiamente apprezzato da chi, in anteprima assoluta, ha potuto saggiare le proprie potenzialità in sessione gaming.

Sfrutta la tecnologia Samsung Quantum Dot per garantire un’efficienza energetica-visiva di livello Premium che si colloca tra gli out-sider di un intero settore di appartenenza.

samsung- display gaming monitor

In una recente intervista, i responsabili Hoseong SeoHyang Go hanno spiegato però com’è stato possibile mettere in risalto un altro aspetto che, al pari del precedente, risulta altrettanto importante, ovvero sia la tecnologia di refresh screen che consente di accedere alle informazioni in solo 1ms, garantendo uniformità d’immagine ed un’esperienza di gioco più coinvolgente. Scopriamo tutto ciò che c’è da sapere da Samsung News Room.

La modalità di visualizzazione LCD è stata determinante per la qualità visiva del prodotto?

In merito a questa domanda i responsabili si sono espressi dicendo che vi sono diverse tipologie di pannello Liquid Crystal Display:

  • Twisted Nematic (TN)
  • Vertical Alignement (VA)
  • In-Plane Switching (IPS)
  • Plane to Line Switching (PLS)

Per il Samsung Monitor CFG70 si è scelto di utilizzare il processo di produzione ad Allineamento Verticale (VA) che offre un’elevata gamma di contrasto ed un colore più ricco anche ad angoli di visione decisamente importanti. La tecnologia, inoltre, rende il massimo nel dimensionamento curvo del pannello e si integra alla perfezione con i canoni visivi introdotti dai punti quantici. La qualità, in tal caso, è davvero suprema.

La maggior parte dei pannelli, continuano i responsabili, presentano un Moving Picture Response Time (MPRT) – standard utilizzato per la misura della “sfocatura indotta dal movimento” – hanno un indice compreso tra 4 e 6ms, contro 1ms delle soluzioni CFG70 Gaming Monitor.

Come si è potuto raggiungere questo risultato?samsung cfg70 motion blur

La differenza tra le nostre attuali soluzioni ed i competitor si deve alla diversa tecnologia di scanning impulsivo. Con il CRT (Cathode Ray Tube) dei vecchi monitor, al cambiamento di una scena lo schermo si spegneva e riaccendeva molto rapidamente. L’occhio umano, in tal senso, compensa la transizione introducendo una grafica senza soluzione di continuità paragonabile all’assenza di motion blur.

I monitor Samsung LCD, invece, non si spengono al cambio scena e, pertanto, si rendono sensibili alla presenza del motion blur effect. La tecnologia di scansione impulsiva riduce la sfocatura indotta dal pannello regolando in automatico l’illuminazione del monitor tra le immagini in movimento. Il metodo d’azione, in questo caso, prevederebbe l’utilizzo di uno scanner che opera nelle zona centrale che, come facilmente intuibile, consente al motion blur di manifestarsi negli strati inferiori e superiori dello schermo.

Lo schermo Samsung CFG70 risolve l’inconveniente attraverso l’utilizzo di quattro canali che migliorano la precisione “pulendo” eventuali aree assoggettate all’effetto motion blur, in maniera precisa ed affidabile, garantendo tempi di refresh di 1 solo millisecondo.

Le differenze saranno realmente apprezzabili dai gamers?

I responsabili se lo augurano, benché non tutti si rendano sensibili ad apprezzare i nuovi cambiamenti, nonostante l’introduzione della tecnologia Quantum Dot e la fornitura di un pannello curvo. Ad ogni modo, proprio per questo, la società si è riservata il diritto di concedere una sessione gaming di sample ad alcuni giocatori, i quali a seguito di un invito da parte di Samsung hanno potuto realizzare le differenze con le altre soluzioni visuali di gioco oggi in commercio.

10 tester su 11 si sono detti soddisfatti delle caratteristiche avanzate e della qualità loro offerta. Uno dei partecipanti, inoltre, ha acutamente sottolineato il progresso svolto nella correzione del motion blur.

Come riuscirà Samsung CFG70 ad arricchire l’esperienza di gioco?

I responsabili affermano che seppure esista in commercio un monitor che riporti le specifiche tecniche del loro prodotto, c’è motivo di credere che nessuno di questi eguaglierà le prestazioni visive del prodotto.

Quantum Dot, tecnologia multi-canale a correzione di impulso e design Premium Edge sono e restano, almeno per ora, le carte vincenti di questo prodotto che, a detta degli interessati, sarà difficile da eguagliare. La qualità e la fluidità delle scene risulta, ad oggi, la migliore del mercato. Giudicate voi stessi.

LEGGI ANCHE: Samsung CFG70: il primo monitor curvo Quantum Dot per videogiocatori