Samsung V-NAND a 256 gigabit per SSD più capienti

Sulle orme di Toshiba e Sandisk, la casa coreana Samsung ha avviato la produzione su vasta scala delle prime memorie flash V-NAND a 256 gigabit (3D Vertical NAND) che di fatto consentiranno di realizzare SSD più capienti, probabilmente anche di 3 o 4 TB per la felicità di coloro che ad oggi utilizzano ancora i vecchi dischi a tecnologia magnetica aventi, a ragion veduta, un costo per gigabyte notevolmente concorrenziale.

Samsung produce memorie flash V-NAND a 256 gigabit che permetteranno di avere SSD più capienti.

Samsung-3D-VNAND news

Per ogni die potremo, a conti fatti, avere ben 32GB.

Si tratta delle prime memorie basate su 48 layer di tipo MLC (Multi Layer Cell) a 3 bit. Inoltre verranno impiegate per tutti i nuovi SSD siano essi appartenenti al mercato business che consumer. Dal punto di vista energetico, questa terza generazione V-NAND garantisce un consumo del 30% inferiore rispetto alla generazione a 128 gigabit a parità di spazio di archiviazione dati grazie ad una forte ottimizzazione dei consumi.

Dal lato produttore, inoltre, questa nuova linea di dispositivi si avvalerà di un 40% di resa in più grazia ad una maggiore semplicità di realizzazione sul fronte del processo produttivo a tutto vantaggio del prezzo finale al consumatore che potrà altresì beneficiare di un raddoppio di spazio in termini di capacità assoluta ad un prezzo di molto inferiore rispetto alle soluzioni precedenti.

Obiettivo principale di questa nuova tecnologia è quello di avviare quanto più rapidamente possibile la commercializzazione su larga scala dei dispositivi che adottano tale soluzione al fine di coprire, partendo dal settore enterprise con particolare riguardo verso i data center, una vasta porzione di mercato andando a colmare quel divario commerciale che si è creato tra i tradizionali hard disk e le nuove proposte a memoria elettronica. Resta da vedere il reale costo per GB proposto dai vari colossi commerciali.

Si ipotizza che le nuove linee di SSD che adoperano tale tecnologia possano sbarcare sul mercato già entro i prossimi mesi dell’anno in corso.