Scienza: nuova tecnologia rivela qualità dei liquidi sconosciuti rapidamente

Arrivano buone notizie dal mondo della scienza. Una nuova società presto sarà in grado di commercializzare una nuova tecnologia di rilevamento inventata presso la Harvard University che può eseguire istantaneamente, sul campo, la caratterizzazione delle sostanze chimiche presenti tra le proprietà dei liquidi sconosciuti. ‘Validere’, società co-fondata da scienziati e ingegneri di Harvard, ha sollevato un giro iniziale di capitale di avviamento e ha stipulato un accordo di licenza esclusiva a livello mondiale con l’università per perseguire applicazioni nel controllo della qualità e nell’identificazione del liquido.

Validere mira a sviluppare la tecnologia sotto licenza, denominata Watermark Ink (W-INK), in un dispositivo tascabile che potrebbe essere utilizzato dai primi soccorritori per identificare rapidamente fuoriuscite di sostanze chimiche, o da funzionari per verificare la qualità del carburante di benzina alla pompa . A differenza di altre tecniche per l’identificazione e l’autenticazione dei liquidi, la soluzione di Harvard è poco costosa, istantanea, e portatile.Sviluppato nel laboratorio di Joanna Aizenberg,  da Amy Smith Berylson professore di Scienza dei Materiali presso la Harvard John A. Paulson, Facoltà di Ingegneria e Scienze Applicate (SEAS) e membro Nucleo Facoltà di Wyss Institute di Harvard per ispirazione biologica Ingegneria, il W-INK sfrutta le proprietà chimiche e ottiche dei materiali nanostrutturati appunto per distinguere i liquidi dalla loro tensione superficiale. Marko Lončar, Tiantsai Lin professore di ingegneria elettrica presso SEAS, ha contribuito al suo sviluppo.

Simile alla cartina tornasole utilizzata in laboratori di chimica per rilevare il pH di un liquido, il rivelatore cambia colore quando viene a contatto con un liquido con una particolare tensione superficiale. La striscia cambia colore può essere programmato per rispondere esattamente alla tensione superficiale unica esibita da qualsiasi liquido di interesse. “Questa idea avanzata rapidamente attraverso Harvard grazie ad un sistema organico che facilita il progresso dalla scoperta all’applicazione”, ha detto Aizenberg, che è anche professore di chimica e biologia chimica e direttore dell’Istituto Kavli per Bionano Scienza e della Tecnologia. “In primo luogo abbiamo sviluppato la tecnologia dalla ricerca di base nel mio laboratorio a SEAS e poi portato qui per l’incubazione presso l’Istituto Wyss. L’Ufficio di Harvard di tecnologia per lo sviluppo (OTD) ha guidato e sostenuto la nostra strategia di commercializzazione attraverso la sua Scienze fisiche e ingegneria Accelerator. Fuori questo circolo virtuoso di innovazione Validere è stata scorporata come un prodotto commerciale valido. ”

La tecnologia W-INK, che ha ricevuto il sostegno precoce dall’Ufficio Air Force di ricerca scientifica e di un contratto di proof-of-concept da parte del Dipartimento dei Trasporti statunitense, potrebbe avere importanti applicazioni nel settore industriale e del governo. “Validere traduce questa tecnologia per creare kit per il test poco costosi, da usare una sola volta e che può essere utilizzato in qualsiasi luogo per identificare visivamente i liquidi sconosciuti, il tutto senza la necessità di una fonte di alimentazione dedicata,” ha detto Ian Burgess, co-fondatore, CEO e CTO di Validere, che ha co-inventato W-INK come studente di dottorato presso l’Istituto Wyss.

“Molte persone si concentrano sul rendere l’hardware più piccolo, ma la miniaturizzazione spesso risulta essere la parte più facile”, ha detto Burgess. “Quello che è difficile, e ciò che la nostra soluzione fa, è quello di semplificare le letture ad un livello che non è necessario un tecnico per interpretare i risultati. Chiunque nel campo può sapere subito, sul posto, come rispondere ad un liquido campionato “. “L’obiettivo è quello di rimuovere l’elemento di errore umano dalla identificazione e categorizzazione dei liquidi sconosciuti”, ha detto Burgess.